I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

13 Dicembre 2021 – Ecuador stop all’esportazione di petrolio a causa dell’erosione del fiume Coca. Covid, Usa inseriscono Italia in Paesi ad alto rischio per i viaggi. Olanda, Rutte

L’Ecuador ha dichiarato oggi una ‘causa di forza maggiore‘ non poter esportare i quantitativi di petrolio previsti dai suoi accordi internazionali a causa del danneggiamento dei due principali oleodotti ecuadoriani (SOTE e OCP) causato da un processo di erosione nel fiume Coca, nella regione di Amazonas. E’ la terza volta dal 2020 che a causa del fenomeno di erosione del fiume Coca l’Ecuador invoca la la ‘forza maggiore‘ per la sua produzione petrolifera: dal 9 aprile al 10 maggio; dal 4 all’8 luglio, e la attuale, dall’8-10 dicembre 2021.

l Centers for Disease and Prevention Usa ha aggiunto tre nazioni, Italia, Groenlandia e Mauritius, alla lista di quelle a più alto rischio per i viaggi. 

L’Aeronautica militare americana ha sollevato dall’incarico 27 persone per essersi rifiutate di fare il vaccino contro il COVID-19. 

Dopo nove mesi dalle elezioni di marzo, in Olanda è stato trovato un accordo per una coalizione che sosterrà il quarto governo guidato da Mark Rutte. Le 38 settimane di negoziati, i più lunghi per la formazione di un governo mai avuti nella storia dell’Olanda, hanno portato ad un accordo di coalizione tra il Partito popolare per la libertà e la democrazia (Vvd) di Rutte, i cristiano democratici (Cda), i social liberali (D66) e l’Unione Cristiana (Cu).

Non c’è alternativa all’integrazione europea dei Balcani occidentali. Lo ha detto l’inviato speciale Ue per il dialogo sul Kosovo Miroslav Lajcak al termine di una riunione oggi a Londra con i ministri degli esteri della regione. “Abbiamo avuto un incontro molto fruttuoso a livello Gb-Ue-Usa più i Balcani occidentali. Non c’è alternativa all’integrazione europea di questa regione“, ha detto Lajcak citato dai media a Belgrado. Al centro dell’incontro la situazione nella regione con particolare riguardo alle situazione di crisi in Kosovo e Bosnia-Erzegovina.

Il Dipartimento del Lavoro americano indaga su Apple per verificare se c si è ‘vendicata’ o meno contro una talpa che si era lamentata delle condizioni di lavoro.

L’Iran ha avanzato proposte “incompatibili” con l’accordo di Vienna sul suo programma nucleare. Lo hanno riferito all’Afp funzionari diplomatici dei tre paesi europei coinvolti nei negoziati sulla questione, Francia, Germania e Regno Unito. 

La Corte Suprema non blocca l’obbligo di vaccino per il personale sanitario imposto dallo stato di New York. Un obbligo che prevede eccezioni per motivi di salute ma non per motivi religiosi.

Nessuna sanzione per i militari americani implicati nell’attacco con il drone che ha ucciso 10 civili a Kabul, in Afghanistan, a fine agosto. Lo afferma il portavoce del Pentagono, John Kirby, spiegando che “non ci sono elementi sufficientemente solidi di responsabilità personali“. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password