I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Funzionario USA rivela “l’affare” da un miliardo di dollari di Biden in Ucraina

Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di offrire all’Ucraina fino a un miliardo di dollari in garanzie sui prestiti sovrani per aiutare l’economia del Paese tra le pressioni dovute al rafforzamento dell’esercito russo al confine. Lo ha dichiarato lunedì un alto funzionario dell’amministrazione Biden. Secondo quanto riferito dal quotidiano pro-Donald Trump, The Gateway Pundit, Il funzionario della Casa Bianca ha confermato ciò che una fonte a conoscenza della questione aveva precedentemente raccontato a Reuters in merito a una conversazione del consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, con i leader del Congresso americano.

 “Sì, è qualcosa che stiamo considerando come parte del supporto macroeconomico aggiuntivo che stiamo esplorando per aiutare l’economia ucraina in mezzo alle pressioni derivanti dal rafforzamento militare della Russia”, ha spiegato il funzionario dell’amministrazione Biden parlando ai giornalisti. Quindi agli americani viene detto on sicurezza che la Russia entrerà in Ucraina, e anzi sommettono su questa opzione addirittura dicendo la data, tutto questo mentre la maggior parte dell’opinione pubblica americana così come alla maggioranza degli Europei non mostrano interesse e comunque laddove lo dimostrano tifano per scongiurare un nuovo conflitto. Il confine meridionale degli Stati Uniti è molto più importante per gli americani, così come per gli italiani è più importante arginare i flussi migratori illegali dal Nord Africa, e non il confine ucraino. “Se la Russia avesse intenzione di invadere l’Ucraina, perché gli Stati Uniti dovrebbero scendere in trattative per dare all’Ucraina un miliardo di dollari? Non suona come uno spreco di denaro?” Si domanda Joe Hoft, fratello gemello del fondatore di TGP, Jim Hoft, i cui resoconti sono spesso mesi in anticipo rispetto ai media mainstream, come dimostrato dall’indagine fittizia di Mueller, sulle origini del coronavirus cinese e sulla frode elettorale USA del 2020. Joe è stato anche un dirigente aziendale a Hong Kong per un decennio e ha anni di esperienza in finanza, IT, operazioni e auditing in tutto il mondo. Le conoscenze acquisite nella sua carriera gli forniscono una prospettiva unica degli eventi attuali negli Stati Uniti.

Joe Hoft rivela inoltre che l’ultima volta che le amministrazioni Biden ed Obama hanno offerto un miliardo di dollari all’Ucraina, la Casa Bianca ha interrotto l’accordo fino a quando non è stato rimosso un pubblico ministero che stava indagando sulla società Burisma in cui lavorava Hunter Biden, avvocato, imprenditore e lobbista statunitense, ma soprattutto secondogenito del Presidente degli Stati Uniti. “Qualcosa non supera il test dell’olfatto qui. La Russia prenderà il controllo dell’Ucraina, quindi Biden decide di dare all’Ucraina un affare da un miliardo di dollari?”. Incalza Joe Hoft, sollevando ulteriori dubbi sul conflitto in cui gli Stati Uniti stanno cercando di trascinarci ad ogni costo. 

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password