I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

18 Aprile 2022 – Isis invita a sfruttare guerra ucraina per attaccare l’Europa. Portogallo, ok a Piano impianti fotovoltaici. Giordania protesta per scontri nella Spianata delle Moschee. Usa chiedono di definire Russia terrorista

Nel videomessaggio, diffuso durante il Ramadan, Abu Omar al-Muhajjr ha chiesto una “offensiva globale” per vendicare la morte del leader dell’Isis Abu Ibrahim al-Qurashi ucciso lo scorso febbraio durante un’operazione degli americani in Siria, e dell’ex portavoce del gruppo al-Muhajir abu Hamza al-Qurashi. Nel discorso, intitolato ‘Combattili e Dio li castigherà per mano tua‘, Muhajjr ha chiesto che vengano effettuati più attacchi in Europa perchè “i tempi sono maturi” sfruttando la guerra in Ucraina. L’Isis ha confermato la morte di Abu Ibrahim al-Qurashi il 10 marzo e ha annunciato presentato Abu Hasan al-Hashemi al-Qurashi come nuovo leader. Poco si sa di lui – nota il Jerusalm Post – terzo capo del gruppo dalla sua nascita. 

La portoghese Galp installerà impianti di produzione di energia solare fotovoltaica in 100 aree di servizio in Spagna e Portogallo per l’autoconsumo entro il 2022, una misura con cui si aspetta un risparmio annuale di oltre 30.000 euro, oltre ai 12 già in funzione in Spagna. Gli impinati saranno installati in 50 aree in Portogallo e 50 in Spagna, in un progetto di 2,5 megawatt di picco (MWp) e con pannelli che hanno una vita utile di 25 anni.

La Giordania ha convocato l’incaricato d’affari israeliano ad Amman per protestare contro “le violazioni provocatorie e illegittime” dello Stato ebraico alla Spianata delle Moschee e alla moschea di al-Aqsa a Gerusalemme. Nel sito, sacro a musulmani ed ebrei, negli ultimi tre giorni si sono verificati scontri tra agenti e fedeli islamici, facendo oltre 170 feriti, in stragrande maggioranza palestinesi.

Gli Stati Uniti nei prossimi giorni inizieranno ad addestrare le truppe ucraine per utilizzare i potenti obici, cioè le armi da fuoco di artiglieria, che l’amministrazione Biden sta inviando in Ucraina. Lo ha detto un alto funzionario del Pentagono citato dal New York Times. Il presidente Joe Biden la scorsa settimana ha annunciato un pacchetto di aiuti militari da 800 milioni di dollari per l’Ucraina che, per la prima volta includeva armi più potenti, inclusi 18 obici da 155 millimetri e 40.000 colpi di munizioni di artiglieria.

I prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono saliti al livello più alto in più di 13 anni nella giornata di lunedì, spinti dalle conseguenze della guerra in Ucraina e dalle previsioni meteorologiche che indicano un calo delle temperature. Lo riferisce il sito del network statunitense Cnbc. I futures sono aumentati del 10 per cento e sono stati scambiati fino a 8,046 dollari per milione di unità termiche britanniche, il più alto da settembre 2008.

Una giudice federale in Florida ha annullato l’obbligo nazionale di indossare la mascherina su aerei e altri mezzi pubblici, affermando che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno travalicato la loro competenza. La giudice Kathryn Kimball Mizelle ha anche affermato che i Cdc non sono riusciti a giustificare la loro decisione e non hanno seguito il regolamento.

Il Dipartimento di Stato sta valutando la possibilità di bollare la Russia come stato sponsor del terrorismo. Lo afferma il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price, in un’intervista a Cnn. 

Le autorità di Mosca hanno avviato un “Programma di sostegno per i lavoratori a rischio di licenziamento” che potrà contare su un finanziamento di 3,36 miliardi di rubli e che “è rivolto principalmente a dipendenti di società straniere che hanno temporaneamente sospeso le loro attività o hanno deciso di lasciare la Russia“. Lo scrive sul suo sito Sergey Sobyanin, sindaco della capitale, spiegando che “secondo le nostre stime, circa 200 mila persone rischiano di perdere il lavoro“. 

Un tribunale antiterrorismo pakistano ha condannato a morte sei persone e altre nove all’ergastolo per avere linciato a morte un cittadino dello Sri Lanka nel dicembre dello scorso anno. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password