I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Usa 2020, Biden sorprende tutti, Steyer abbandona

L’ex vicepresidente Joe Biden, 77 anni, che sta correndo per ottenere la candidatura a presidente degli Stati Uniti per i Democratici, ha sorpreso tutti con la sua netta vittoria nei caucus in South Carolina alla vigilia del Super Tuesday. Per farsi una idea concreta, ha ottenuto un numero di delegati tre volte superiore a quello del suo diretto concorrente Bernie Sanders.

In particolare i sondaggisti visto che la sua vittoria, era sì prevista, ma ha superato dell’8,8% le previsioni. A dimostrarlo uno studio di Political Polls, un gruppo non-partisan che studia i sondaggi. Biden, era accreditato del 39,7 per cento, mediamente nei sondaggi, è invece si è aggiudicato lo Stato con il 48,5. Al contrario Sanders é arrivato secondo, come previsto, ma con un risultato peggiore di quanto rilevato nelle indagini demoscopiche: accreditato del 24,3 ma ha raggiunto solo il 19,9%, registrando in particolare un calo tra gli afroamericani, che invece tutti i sondaggisti davano per scontato essere lo zollo duro del senatore del Vermont. Male anche il miliardario, e da ieri ufficialmente ex candidato, Tom Steyer che ha raggiunto solo l’11,3%. Stesso discorso anche per Pete Buttigieg, che ha racimolato appena l’8,2 % quando gli studi lo attestavano attorno all’11%. In controtendenza Elizabeth Warren con il suo 7,1%, l’1% in più rispetto alle previsioni.

Grazie alla sua netta affermazione Biden ha raccolto la cifra record di 5 milioni di dollari in donazioni in poche ore.

“Questa campagna ha preso il volo. Abbiamo conquistato più voti in queste primarie che in tutte quelle precedenti – ha commentato stamani in un’intervista alla Nbc – Per questo ci sentiamo bene. La raccolta di donazioni é straordinaria, ma se vinciamo é perché la gente ha percepito il messaggio che noi siamo quelli che le cose le faranno davvero”.

Intanto Biden dopo l’endorsement del deputato della Carolina del Sud James Clyburn, ex leader per la lotta per i diritti civili e una delle forze più potenti nella politica della Carolina del Sud e che gli ha permesso di aggiudicarsi queste primarie, ora ne colleziona uno nuovo prezioso per accaparrarsi il voto afroamericano: quello di Darrio Melton, sindaco di Selma (Alabama), la città che fu protagonista nel 1965 delle marce che segnarono la storia del movimento per i diritti civili degli afroamericani negli Usa. Il sostegno arriva in particolare alla vigilia dell’anniversario del Bloody Sunday.

Alla sua campagna manca l’approvazione dell’ex presidente Barack Obama. Ma Biden al riguardo non pare avere alcuna fretta ad avere questo endorsement, visto che domenica scorsa ad ABC ha affermato:

“Non credo sia il momento. Ne abbiamo parlato io e lui dall’inizio devo guadagnare questa nomination da solo. La prima cosa che tutti hanno detto quando ho annunciato la mia candidatura ‘Beh, Biden si sente autorizzato perché è vice presidente’. Immagina se il presidente mi avesse appoggiato. Sarebbe stato: ‘Beh, Biden pensa di avere diritto perché il presidente lo appoggia’. E non ho dubbi sul fatto che quando vincerò questa nomination farà i salti di gioia per la mia vittoria”.

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password