I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Motocicli, ANCMA: -35% di vendite senza incentivi nel 2020 e ripercussioni per i 60mila addetti

Paolo Magri, presidente di Confindustria ANCMA, l’associazione nazionale dei produttori di cicli e motocicli, in merito alle misure di sostegno per gli effetti dell’emergenza Covid-19 ha denunciato come “senza nessuna forma di incentivazione all’acquisto da parte del Governo per i veicoli EURO 4 rimasti invenduti, il mercato 2020 di ciclomotori, moto e scooter registrerà un pesante tonfo pari ad almeno un – 35%, che porterà a un’ulteriore perdita di fatturato superiore a 215 milioni di euro”.

I dati di mercato delle due ruote a motore ad aprile parlano chiaro avendo registrato un pesantissimo -97%. Un dato preoccupante vista la particolare stagionalità del mercato di riferimento, che vede storicamente la metà delle vendite realizzate tra il mese di aprile e luglio”.

Per tutelare un comparto che con l’indotto dà lavoro a oltre 40mila persone e che ha contribuito nel 2019 con un gettito erariale di 5,5 miliari di euro, le caratteristiche uniche del nostro mercato – spiegano da ANCMA – ci spingono ad insistere nel richiedere forme urgenti di sostegno all’acquisto, che tengano conto anche del calo della fiducia e del potere d’acquisto delle famiglie e di una rete commerciale in pesante affanno a causa del lockdown”.

Per comprendere quanto sia delicato questo crollo di fatturato basta guardare a quanti dipendenti occupa il settore delle due ruote in Italia: si tratta di circa 18.023 occupati diretti, 12.372 sono occupati nelle due ruote a motore (ciclomotori, moto e scooter) mentre 5.651 lavorano per realizzare biciclette. A questi numeri va aggiunto che la rete di distribuzione di questi prodotti è pari a 5.000 punti vendita. Un dato che porta il numero di occupati complessivo tra commercio di bici, moto, ciclomotori, scooter, componenti e accessori, cioè dell’intero indotto, a circa 60.000 persone. D’altra parte l’Italia in questo settore è saldamente al primo posto in Europa quale produttore di motocicli (300 mila unità) e biciclette (2,3 milioni di unità). E’ chiaro quindi che un crollo del fatturato in questo settore può avere un impatto importante anche sull’occupazione ad esso legato.

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password