I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Libia, Abdulhadi Lahweej: “non bloccheremo gas a Italia. Con Roma rapporto storico”

Arrivano rassicurazioni da parte di Abdulhadi Lahweej, ministro degli Esteri del Governo di Tobruk di Khalifa Haftar. Il terminal Eni di Mellitah non verrà bloccato. “Non credo. Non miriamo a colpire le risorse energetiche italiane. Con Roma c’è un rapporto storico, apprezziamo il lavoro dell’Eni. Ovvio che è stato giusto chiudere i pozzi di gas e petrolio. I proventi delle risorse energetiche vengono utilizzati dal governo Sarraj a Tripoli per pagare le milizie locali, finanziare gli estremisti islamici e facilitare l’arrivo dei soldati turchi, oltre che dei terroristi siriani. Ma ripeto non danneggeremo l’Italia”.

Lahweej, che tornerà a Roma a breve per un altro giro di incontri chiede agli italiani di capire che è “nel loro interesse dialogare con Haftar. “Siamo gli unici in grado di garantire il blocco dei flussi migratori verso l’Italia. Negli ultimi anni gli italiani hanno pagato 360 milioni di euro al governo Sarraj per fermare le migrazioni. Soldi sprecati”.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password