I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

6 Settembre 2020 – Siria, Lavrov per la prima volta a Damasco dal 2012. Iran, ispezione Aiea in uno dei due siti sospettati di attività nucleari. Mercato delle verdure riapre in Cina. Sudan prove di pace

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, é volato in Siria a Damasco per la prima volta dal 2012, raggiungendo una delegazione moscovita guidata dal vice premier Yury Borisov, arrivato ieri sera. Nell’agenda del capo della diplomazia russa ci sono incontri con il presidente siriano Bashar al-Assad e il ministro degli Esteri, Walid Muallem, prima di recarsi nella vicina Cipro.

I funzionari dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) hanno comunicato nel rapporto trimestrale che hanno ispezionato uno dei due siti cui l’Iran ha garantito l’accesso la scorsa settimana. Ora i campioni ambientali, prelevati in loco verranno successivamente analizzati per verificare la presenza di uranio presso il sito la cui localizzazione non viene specificata. L’Iran ha permesso volontariamente all’Aiea di ispezionare i “due siti sospetti” di cui uno “nei pressi di Shahreza” nella provincia di Isfahan e l’altro “nella periferia di Teheran“. 

“Saluto con gioia e speranza l’accordo di pace tra il Governo sudanese, il Sudan Revolutionary Front e il Sudan Liberation Army. È un risultato di grande significato, atteso da anni, che spero possa contribuire in modo determinante al processo di stabilizzazione del Paese”. Lo ha scritto su Twitter la vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re, condividendo una foto che la ritrae mentre stringe la mano al primo ministro del Sudan Abdalla Hamdok

Il più grande mercato all’ingrosso di verdura di Pechino, temporaneamente chiuso per un ritorno dell’epidemia di COVID-19, prevede di riprendere pienamente le sua capacità prima della prossima festa della Giornata Nazionale a inizio ottobre. Ieri é stata riaperta l’area di vendita all’ingrosso di verdure del mercato di Xinfadi, segnando la piena ripresa delle attività del mercato dopo la chiusura. 

Le autorità tunisine hanno annunciato oggi di aver arrestato sette persone nell’ambito delle indagini sull’omicidio di un membro della Guardia nazionale durante un attacco “terroristico” compiuto ieri in una località turistica di Sousse, città a 140 chilometri a sud della capitale Tunisi. A riferirlo media locali. 

 Il governo del Sudafrica ha presentato tre progetti di legge in Parlamento per frenare la violenza di genere.

Il Cremlino ha denunciato gli “assurdi” tentativi di accusare la Russia dell’avvelenamneto dell’oppositore Aleksei Navalny, ricoverato in un ospedale tedesco e vittima secondo i medici di un agente nervino del tipo “Novichok”. “Qualsiasi tentativo di associare la Russia a ciò che è accaduto è inaccettabile ad assurdo”, ha commentato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Intanto la Germania minaccia conseguenze sull’impianto North Stream 2.

La deputata pro-democrazia Claudia Mo ha criticato gli agenti, descrivendo il loro operato contro la ragazza come una prova di quanto “la polizia sia diventata inutilmente nervosa e dal grilletto facile”. In un comunicato, le forze dell’ordine hanno confermato l’arresto della ragazza di 12 anni.

Il ministro del Lavoro dell’Uganda, Mwesigwa Rukutana, dovrebbe comparire in tribunale oggi dopo essere stato arrestato nel fine settimana con l’accusa di aver sparato ai sostenitori del suo avversario dopo aver perso le primarie del partito al governo, il Movimento della resistenza nazionale (Nrm). 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password