I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

4 Novembre 2020 – Gli Usa non hanno ancora un nuovo presidente. Trump denuncia brogli.

Le elezioni presidenziali non hanno ancora assicurato una successione chiaraa Trump. Il presidente in carica suona la caric: “Reclamiamo la vittoria della Pennsylvania, dello stato della Georgia e della North Carolina, in ognuno dei quali c’è un grande vantaggio per Trump. E in più reclamiamo il Michigan se, come nei fatti, c’è stato un grande numero di schede buttate segretamente, come è stato riportato ampiamente”. Gli osservatori internazionali dell’Osce hanno duramente criticato le “accuse infondate” del presidente Donald Trump sulle frodi elettorali nelle presidenziali denunciando che le parole del milionario “minano la fiducia del popolo nelle istituzioni democratiche“. Intanto I dem mantengono la Camera, il Senato resta un miraggio I repubblicani verso la maggioranza, Congresso ancora spaccato. Joe Biden ha buone chance però di succedere a Trump almeno secondo l’andamento attuale.

Gli Stati Uniti nel frattempo hanno superato per la prima volta la soglia di 100mila nuovi casi di coronavirus in 24 ore. Lo riporta il Washington Post

L’avvocato di Donald Trump, Rudy Giuliani, ha minacciato una ricorso a livello federale, dicendo che la situazione è “al di là di qualsiasi cosa abbia mai visto prima”. Lo riferisce Fox News, specificando che secondo Giuliani i democratici credono di possedere i media e di poter fare quello che vogliono.

La Germania teme il propagarsi dei disordini anche all’interno dei suoi confini dopo l’attentato di Vienna di lunedì scorso. E’ per questa ragione che la città di Francoforte ha negato l’autorizzazione ad una manifestazione contro le caricature di Maometto e contro il settimanale francese Charlie Hebdo. Temendo per l’ordine pubblico.

Due giovani svizzeri arrestati dopo l’attentato a Vienna erano già stati oggetto di casi penali per sospetti reati di terrorismo. Lo hanno reso noto i magistrati federali svizzeri, che avevano aperto casi “nel 2018 e nel 2019 ancora in corso“. Uno dei due ragazzi, di 24 anni, appare imputati di un caso, mentre l’altro, un 18enne, è indagato per organizzazione terroristica. 

Il presidente della Tunisia, Kais Saied, ha avuto oggi un colloquio telefonico con il primo ministro Giuseppe Conte. Lo riferisce un comunicato della presidenza tunisina. Le parti hanno discusso del dialogo inter-libico che la Tunisia ospiterà la prossima settimana.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password