I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

31 Marzo 2021 – A livello mondiale fusioni e acquisizioni per 1.300miliardi. Piano aiuti imprese Francia, lockdown costa 11miliardi di euro al mese in più. Brasile nuova richiesta di impeachment. Oms chiede senza successo più indagini su laboratorio Wuhan

Boom di fusioni e acquisizioni nel primo trimestre: a livello mondiale sono stati siglati accordi per 1.300 miliardi di dollari, la cifra più alta per i primi tre mesi dell’anno dal 1980. Lo riporta il Financial Times sottolineando che il balzo è dovuto alle spac, i veicoli di investimento quotati. 

Un investimento che capita una volta ogni generazione“: così il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha definito il suo piano per lo sviluppo da duemila miliardi di dollari, presentato oggi a Pittsburgh per creare secondo le sue previsioni “…milioni di posti di lavoro in America“. Il piano prevede una modernizzazione delle infrastrutture di trasporto (20mila miglia di autostrade, 20 ponti, aeroporti). E ha rassicurato sull’aumento delle tasse i ceti medio bassi: “Nessuno che guadagna sotto i 400 mila dollari vedrà un aumento delle tasse federali”. A margine arriva anche la notizia che il Pentagono abolirò la stretta sui transgender dell’amministrazione Trump, che di fatto aveva vietato loro l’accesso all’esercito.

La Cina continua a negare indagini approfondite presso l’Istituto di Virologia di Wuhan, un biolaboratorio in cui il governo di Pechino studiava fra le altre cose proprio la trasmissione dei coronavirus dagli animali agli esseri umani. Il nuovo diniego cinese arriva dopo che proprio il numero uno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, finora accusato dai critici di essere troppo compiacente nei confronti della Cina, ha inasprito i toni dicendo di essere pronto a inviare esperti per indagare sull’ipotesi.

Il leader del partito ‘Nuova Speranza’, Gideon Saar, ha seccamente respinto l’appello di Benyamin Netanyahu di entrare in un suo governo omogeneo di destra. 

Ne è convinto il ministro Renato Brunetta che annuncia la creazione di 110 mila nuovi posti di lavoro tra i travet. Molti dei quali, da quanto è già emerso nei giorni scorsi, saranno al Sud.

Il gigante alimentare mondiale Nestlé ha completato la cessione da 4,3 miliardi di dollari dei suoi marchi di acqua in bottiglia in Nord America a un paio di società di private equity. Autogrill invece annuncia che la propria controllata HMSHost ha firmato un accordo per la cessione delle attività autostradali statunitensi per un prezzo di 375 milioni di dollari a un consorzio controllato e guidato da Blackstone Infrastructure Partners, che include Applegreen Limited e B&J Holdings.

L’estensione della chiusura delle attività commerciali in Francia a tutto il territorio aumenterà il numero delle imprese chiuse da 90.000 a 150.000, mentre il costo totale degli aiuti e dei risarcimenti sale a 11 miliardi di euro al mese. Lo ha indicato il ministero dell’Economia francese.

La Guardia costiera tunisina ha sventato nel governatorato di Sfax, il 29 e il 30 marzo scorsi, diverse partenze “verso l’Europa” fermando 100 migranti, in gran parte di Paesi subsahariani.

In Brasile, i partiti di opposizione hanno presentato una nuova richiesta di impeachment nei confronti del presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, colpevole – a loro giudizio- di avere mire autoritarie e golpiste. I parlamentari sostengono che il presidente debba essere chiamato a rispondere del licenziamento del ministro della Difesa, Fernando Azevedo e Silva, e del tentativo di usare politicamente le Forze Armate. 

 “La Fiom chiede la riapertura formale del tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico sul futuro di Iveco in Italia per la difesa di un asset industriale fondamentale per il Paese e per la tutela e lo sviluppo dell’occupazione“. Lo dichiarano in una nota congiunta Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive e Simone Marinelli, coordinatore nazionale automotive.

Al processo per la morte di George Floyd, a Minneapolis, in Minnesota, per la prima volta è stato mostrato in pubblico il video di sorveglianza dello store dove George Floyd compro’ un pacchetto di sigarette con una banconota da venti dollari, risultata poi contraffatta.

Il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres ha raccomandato in un rapporto presentato al Consiglio di Sicurezza di stabilire una “componente di monitoraggio” per la missione delle Nazioni Unite in Libia, che lavori insieme ad un meccanismo di monitoraggio del cessate il fuoco gestito dai libici. 

Uno dei vignettisti piu’ famosi al mondo, il francese Plantu, al secolo Jean Plantureux, ha firmato il suo ultimo disegno in prima per il quotidiano Le Monde. Per la sua ultima vignetta satirica sul quotidiano francese con cui ha collaborato per 50 anni, Plantu ritrae il presidente Emmanuel Macron all’Eliseo, alle prese con le decisioni sulle nuove misure anti-Covid, poche ore prima del suo messaggio alla nazione per darne annuncio.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password