I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

3 Aprile 2021 – Tigray, le truppe eritree iniziano a ritirarsi. Giordania, principe Hamza agli arresti domiciliari. Somalia, sei persone morte in nuovo attentato. Myanmar, esercito spara di nuovo contro manifestanti

Le truppe eritree “hanno iniziato a ritirarsi” dalla regione del Tigray. Lo rendono noto fonti ufficiali dell’Etiopia. L’esercito era impegnato nell’area dal novembre scorso in seguito ad un presunto attacco contro postazioni eritree da parte di una milizia del Fronte di Liberazione del Tigray. Proprio sulle truppe eritree pendono pesanti accuse di massacri di civili.

Un attentatore suicida ha fatto detonare un esplosivo in un negozio di tè nella capitale somala, Mogadiscio, uccidendo almeno sei persone, uno era un bambino, e ferendone altre quattro.

In un video selfie pubblicato dalla Bbc, il principe ereditario e fratellastro del re Abdullah di Giordania, Hamza, afferma di essere agli arresti domiciliari. “Questa mattina ho avuto una visita del capo di Stato Maggiore dell’esercito giordano, il quale mi ha informato che non sono autorizzato ad uscire da casa, a comunicare con le persone o a incontrarle perchè ad alcuni eventi ai quali ho preso parte – anche attraverso i social media – sono state espresse delle critiche nei confronti del governo o del re“, dice Hamza, precisando di non essere stato accusato di aver fatto personalmente delle critiche. Nel contempo sarebbero stati arrestati un’altra ventina di persone tra i quali alcune al vertice del regno.

Il Segretario di Stato Usa Antony Blinken ha ricordato il cittadino con doppia cittadinanza iraniano e americana Siamak Namazi, detenuto da duemila giorni nel carcere di Evin a Teheran, chiedendo che vengano liberati tutti gli ”ostaggi” delle autorità iraniane.

Le forze di sicurezza del Myanmar hanno aperto il fuoco oggi sui manifestanti nella città di Monywa, scesi in strada per protestare contro il colpo di Stato militare del primo febbraio scorso. 

Migliaia di persone hanno manifestato oggi a Stoccarda contro le misure anti Covid-19, proprio mentre si dibatte in Germania della possibilità di un ulteriore irrigidimento delle restrizioni per far fronte alla terza ondata di contagi. Proteste si sono registrate anche nel Regno Unito, in questo caso però per protestare contro legge che amplia i poteri della polizia.

La polizia spagnola ha arrestato 100 membri di una banda criminale dedita a trasportare hashish e marijuana dal Marocco alla Spagna su imbarcazioni veloci. La banda criminale utilizzava le barche con i carichi di droga per attraversare il Mediterraneo ma anche per risalire il fiume Guadalquivir in modo da rifornire la Spagna meridionale. Nell’operazione sono state sequestrate cinque tonnellate di hashish e 230 chilogrammi di marijuana.

Si complicano i negoziati per la formazione di un nuovo governo in Olanda. Il partito di coalizione minore l’Unione Cristiana (Cu) ha annunciato che non prenderà parte a un nuovo governo con i liberali di destra Vvd se Mark Rutte continuera’ a restarne il leader. 

La coalizione a guida saudita ha distrutto un barchino carico di esplosivo nel porto yemenita di Salif, in procinto di essere utilizzato per compier un attacco da parte dei ribelli filo-iraniani Houthi.

Le mummie di 18 faraoni e quattro regine dell’Antico Egitto sfilano nelle vie del Cairo. La storica Parata dorata dei faraoni, tra massicce misure di sicurezza visto il valore inestimabile dei reperti, è stata organizzata per il loro trasferimento dal Museo egizio al nuovo Museo nazionale della civiltà egizia. A separare i due edifici sono circa 5 chilometri.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password