I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

28 Aprile 2021 – Regeni, documentario contro il ricercatore appare su YouTube in Egitto. Facebook, raddoppiati i profitti. Usa, ispanico muore asfissiato da un agente come Floyd. Mini aumento per dipendenti Amazon negli Usa

Un documentario intitolato ‘La storia di Regeni‘ è apparso su YouTube il giorno prima dell’udienza preliminare del procedimento che vede imputati quattro membri dei servizi segreti egiziani per la morte del ricercatore italiano, scomparso al Cairo il 25 gennaio 2016 e trovato senza vita il 3 febbraio successivo. 

Nel trimestre Facebook ha registrato profitti quasi raddoppiati a 9,5 miliardi di dollari grazie ai guadagni nella pubblicita’ digitale e al fatto che la pandemia ha tenuto la gente incollata a internet. “Abbiamo avuto un ottimo trimestre mentre abbiamo aiutato le persone a rimanere connesse e le imprese a crescere”, ha detto il numero uno Mark Zuckerberg.

Immobilizzato da un agente di polizia con la faccia a terra per quasi cinque minuti e soffocato da un agente che preme sul suo torace nonostante i lamenti e l’implorazione ‘Please, don’t do it’ (per favore, non fate cosi’). Come George Floyd, un giorno prima del verdetto del suo processo.

Quattro persone sono state uccise in una clinica di Potsdam, in Germania, e una donna di cinquantuno anni è stata arrestata come sospetta. Lo riferisce Der Spiegel. Secondo le prime informazioni giunte dalla polizia, c’è anche un ferito grave. Le vittime sarebbero pazienti ricoverati nel reparto per le cure palliative. 

Amazon alza i salari di 500.000 dei suoi addetti. Lo annuncia il colosso di Jeff Bezos, sottolineando che l’aumento sará compreso fra i 50 centesimi e i 3 dollari l’ora.

E’ di quattro morti e dodici feriti il bilancio di una sparatoria avvenuta nel carcere di Guayaquil, in Ecuador, una delle quattro prigioni dove, lo scorso febbraio, rivolte simultanee provocarono 79 morti.

Anvisa, l’autorità sanitaria del Brasile, ha negato la possibilità di usare nel Paese il vaccino russo Sputnik, citando nella sua decisione presa lunedi’ sera “rischi inerenti” e “gravi difetti” nella sua composizione, nonche’ una mancanza di informazioni su sicurezza, qualità ed efficacia. Ma il difetto più pericoloso è che l’adenovirus presente nel siero può riprodursi, ha determinato Anvisa. 

Apple ha registrato nel trimestre vendite e profitti superiori alle aspettative di Wall Street e ha annunciato un riacquisto di azioni pari a 90 miliardi di dollari. Lo riferisce la società, sottolineando che i clienti stanno continuando a passare agli iPhone 5G e acquistando nuovi modelli Mac. 

Avevano firmato un appello che lamentava la “disintegrazione della loro patria” di fronte all'”islamismo“, evocando tra le righe un colpo di stato, deferiti una ventina di alti militari francesi.

Resta in carcere in Algeria il giornalista Rabah Kareche, da giorni detenuto a Tamanrasset. La richiesta di rilascio provvisorio e’ stata respinta ieri da un tribunale algerino. Il corrispondente del quotidiano Liberte’ e’ stato arrestato lo scorso 19 aprile con l’accusa di aver diffuso informazioni false che potrebbero mettere in pericolo la sicurezza pubblica. Dura la reazione di Reporter Senza Frontiere che ha chiesto il rilascio immediato. Rabah Kareche è finito in carcere dopo la pubblicazione di un articolo su un movimento di protesta Tuareg a seguito di una nuova divisione territoriale.

Il Parlamento europeo ha adottato una stretta contro i contenuti online ritenuti di natura “terroristica”, dando il via libera definitivo ad un regolamento che consente di obbligare le piattaforme a rimuovere messaggi, foto e video online “terroristici” entro un’ora.

L’Ufficio Federale per la Protezione della Costituzione, una delle agenzie di intelligence tedesche, ha messo sotto osservazione i Querdenken, un movimento protagonista delle manifestazioni anti-lockdown svoltesi in Germania nei mesi scorsi.

L’intelligence turca ha sventato un attentato del Pkk contro una stazione degli autobus a Istanbul. Lo ha dichiarato all’emittente Ntv il ministro degli Interni turco Suleyman Soylu, spiegando che cinque chili di esplosivo erano stati collocati sotto un’auto.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password