I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

26 Luglio 2021 – Crisi Libano, neo premier designato cauto, non esistono bacchette magiche. Tunisia, Usa richiamano Saied. 2021, ad oggi mille morti in mare nel Mediterraneo

Non esiste una bacchetta magica per risolvere la crisi del Libano: a dirlo il neodesignato premier Najib Mikati, che chiede unità politica per cominciare a risanare il paese mediorientale travolto dalla crisi economica e finanziaria. Mikati ha parlato con i giornalisti poco dopo aver ricevuto l’incarico dal presidente Michel Aoun.

Gli Stati Uniti lasceranno l’Iraq come missione bellica entro la fine dell’anno. Lo ha dichiarato il presidente Joe Biden, al termine dell’incontro con il primo ministro iracheno Mustafa al-Kadhimi.

Un’altra tragedia. Con questo naufragio la stima dei morti nel Mediterraneo Centrale si avvicina a quasi mille (oltre 980). L’anno scorso a fine luglio erano 272. Non bisogna più esitare e fare di tutto per rafforzare il sistema di pattugliamento in mare. Da subito“. Lo scrive su Twitter il portavoce Oim per il Mediterraneo, Flavio Di Giacomo.

Il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha avuto una conversazione telefonica con il presidente tunisino Kais Saied e ha chiesto il rispetto della democrazia. Blinken ha incoraggiato Saied a rispettare i “principi della democrazia e i diritti umani che sono alla base della governance in Tunisia“, afferma un portavoce del Dipartimento di Stato. 

La Grecia si indigna per la morte di Kostis, un esemplare di foca monaca, emblematico dell’isola greca di Alonissos.

La Banca Mondiale e il sistema Covax hanno istituito un nuovo meccanismo di finanziamento che dovrebbe permettere di vaccinare 250 milioni di persone nei paesi poveri entro la metà del 2022. 

Il sottosegretario per la lotta al Covid-19 del ministero della Salute del Brasile, Rosana Leite, ha dichiarato che il governo sta valutando di ridurre l’intervallo tra le due dosi di vaccino Pfizer. Attualmente il ministero prevede un intervallo di tre mesi tra la prima e la seconda dose.

La persona incaricata di pagare il riscatto per la liberazione di un centinaio di bambini nigeriani rapiti nello scorso mese di maggio è stata a sua volta rapita. Lo ha annunciato il preside della scuola islamica dalla quale erano stati rapiti i bambini. Lo scorso 30 maggio, circa 200 motociclisti armati hanno assalito la città di Tegina, nello stato del Niger centrale, rapendo 136 studenti di un seminario islamico.

La Russia ha approvato il via libera ai test clinici sulla combinazione di due vaccini, quello della società britannica Astrazeneca sviluppato da Oxford combinato a quello russo Sputnik V.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password