I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

25 Dicembre 2020 – Esplosione a Nashville ha mandato in tilt le comunicazioni del Tennessee. Variante inglese covid è già in Giappone, Francia e Italia. Mille soldati per smaltire code camion in Inghilterra

Nella città di Nashville, nel Tennessee, è deflagrata nella mattina di Natale una impressionante esplosione in pieno centro. Un camper è saltato in aria davanti all’edificio della At&t, il gigante americano delle telecomunicazioni. La deflagrazione ha danneggiato il centro di rete ospitato nell’edificio, mandando in tilt le comunicazioni in mezzo Stato. Non solo sono andati fuori servizio cellulari e Internet ma nemmeno il numero di emergenza della polizia, il 911, è stato raggiungibile in una decina di contee

Dopo l’Italia anche la Francia comunica che nel Paese sta già circolando la variante inglese del Coronavirus. A comunicarlo è stato il ministero della Salute francese. Il primo caso è quello di un cittadino francese che abita nel Regno Unito ed è rientrato in patria “da Londra il 19 dicembre“. Anche il Giappone ha comunicato di aver isolato 5 casi di pazienti affetti dalla variante covid inglese. Intanto il ministro della Sanità sudafricano ha respinto l’idea che la nuova variante di coranavirus che il Regno Unito ha collegato al suo Paese sia più pericolosa di quella cosiddetta ‘inglese’. “Al momento”, ha dichiarato in un comunicato il ministro Zwelini Mkhize, “non vi sono prove che la variante 501.V2 sia più contagiosa di quella del Regno Unito, come suggerito dal ministro della Sanità britannico“. 

Circa mille soldati britannici sono impegnati in questa giornata di Natale per provare a smaltire l’enorme coda di camion che si è accumulata nel sudest dell’Inghilterra nei giorni scorsi. 

I jihadisti di Boko Haram hanno ucciso almeno sette persone in un assalto a un villaggio a maggioranza cristiana condotto ieri alla vigilia di Natale nell’irrequieto nord-est della Nigeria. Lo hanno riferito fonti locali all’Afp.

L’ingente quantitativo di droga sequestrato lo scorso primo luglio in un porto del sud Italia sarebbe proveniente dalla Siria e usato per finanziare Hezbollah, l’organizzazione islamica libanese riconosciuta come terrorista da molti Paesi. Lo riferisce il “Jerusalem Post” riprendendo un reportage della britannica “Bbc”. La scorsa estate infatti 84 milioni di pasticche di Captagon, una metanfetamina, furono sequestrate dalla Guardia di Finanza nel porto di Salerno. Si trovavano in un cargo insieme a oltre due tonnellate di hashish.

Il maresciallo Khalifa Haftar, l’uomo forte della Libia orientale, ha invitato le sue forze a riprendere le armi per “cacciare l’occupante turco”, mentre sono in corso i colloqui per portare il Paese fuori dalla situazione di stallo.

Le autorità russe hanno messo sotto inchiesta Ljubov Sobol una collaboratrice di spicco di Aleksey Navaly, dopo un blitz per perquisire la sua abitazione a Mosca, accusandola di aver minacciato un uomo che secondo l’oppositore russo fa parte dell’Fsb e avrebbe partecipato al suo avvelenamento questa estate.

Almeno sette dei 12 attivisti pro-democrazia di Hong Kong arrestati ad agosto mentre cercavano di fuggire in motoscafo verso Taiwan dovranno affrontare un processo nella Cina continentale il 28 dicembre. Lo hanno reso noto oggi attivisti e familiari. 

Si apre una nuova era nelle relazioni tra Unione europea e Regno Unito. Bruxelles e Londra hanno raggiunto un accordo commerciale post-Brexit (che entrerà in vigore il 1° gennaio) scongiurando lo spettro del no-deal.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password