I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

23 Maggio 2021 – Si spezza cavo della funivia del Mottarone, almeno 14 morti. Attivista ‘Black lives matter’ ferita da un colpo di pistola alla testa. Mulè in visita nel Kuwait per rilanciare il programma Eurofighter

Un tragico incidente è costato la vita a 14 persone, tra cui due bambini, di 2 e 9 anni. Un cavo della funivia del Mottarone, in Piemonte, si è spezzato a 100 metri dalla vetta e la cabina è precipitata. Un bambino è ricoverato a Torino in codice rosso.

L’attivista di Black lives matter Sasha Johnson è stata raggiunta da un colpo di pistola alla testa a Southwalk, nella zona meridionale di Londra, e sarebbe in pericolo di vita. La polizia sta raccogliendo elementi utili alle indagini.

Il sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulè, ha incontrato a Kuwait City il sottosegretario di Stato alla Difesa kuwaitiano, Fahad Jaber Al Ali Al Sabah, il capo della Foreign Procurement Division, la Sheikha Shamayel Al Sabah, il capo di Stato maggiore della Difesa, il generale Khaled Saleh Al Sabah con l’obiettivo di rilanciare la cooperazione tra Italia e Kuwait non solo in ambito difesa con il programma Eurofighter che vede l’Italia ‘prime contractor’, ma anche in ambito sanitario e culturale.

Tre ricercatori dell’Istituto cinese di virologia di Wuhan, a quanto si legge nell’edizione online del Wall Street Journal, si sono ammalati gravemente di Covid-19 nel novembre 2019 tanto da aver bisogno di cure ospedaliere. La notizia è contenuta in un rapporto dell’intelligence statunitense desecretato.

Imposte sui guadagni extra delle compagnie minerarie, royalities in funzione delle vendite, rinegoziazione dei contratti con le grandi imprese. Questi alcuni dei punti del programma economico presentato dal candidato di sinistra Pedro Castillo (Perù Libre) al secondo turno delle elezioni presidenziali in Perù, il programma il 6 giugno. 

Almeno due persone sono state uccise e altre 12 sono rimaste ferite in una sparatoria durante una festa in un residence nella contea di Cumberland, New Jersey, sabato sera.

Sul caso della presunta assunzione di droga da parte del cantante dei Maneskin, Damiano David, durante l’Eurovision, spetta alla commissione di deontologia della manifestazione decidere se c’è un problema, “non voglio immischiarmi in questo giudizio, non e’ di mia competenza“. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, ai microfoni dell’emittente radiofonica “Rtl“.

La strategia della tolleranza zero contro gli oppositori, varata dal dittatore Alexander Lukashenko dopo la ‘primavera bielorussa‘ iniziata quasi un anno fa all’indomani delle ennesime elezioni truccate, questa volta pare aver travalicato i confini nazionali pur di mettere le mani su Roman Protasevich, ex direttore del canale indipendente Nexta, voce dell’opposizione bielorussa. Il giornalista, infatti, era in viaggio su un volo Ryanair da Atene a Vilnius quando, in circostanze ancora tutte da capire, l’aereo è stato costretto ad un atterraggio di emergenza a Minsk, dove Protasevich è stato arrestato.

Un colpo basso“, un “errore” che non fa altro che “prolungare ulteriormente l’incertezza“. Da Nord a Sud le associazioni territoriali di Confindustria si scagliano contro il ministro del Lavoro Andrea Orlando e la sua proposta di proroga del blocco dei licenziamenti in arrivo con il decreto Sostegni bis. Serve “chiarezza” dicono ad esempio in una nota unitaria le Confindustrie del Nord, arrivando a fare un appello “al premier Draghi per la sua competenza, affidabilità e coerenza affinché trovi una soluzione nell’interesse di tutti gli italiani, per una vera ripresa economica e sociale“.

La polizia israeliana avrebbe scortato più di 250 ebrei alla Spianata delle moschee, dove scontri fra palestinesi e agenti dello Stato ebraico avevano acceso la miccia che ha portato all’ultimo drammatico conflitto durato 11 giorni. L’autorità islamica che supervisiona il sito (Waqf) ha anche fatto sapere che la polizia israeliana ha cacciato gruppi di musulmani dall’area che ospita la moschea al-Aqsa e impedito ai palestinesi sotto i 45 anni di età di entrare, arrestando varie persone. 

I ministri degli Esteri di Austria, Repubblica Ceca e Slovenia, Alexander Schallenberg, Jakub Kulhanek e Anze Logar, hanno ribadito che non c’è motivo di ritardare l’avvio dei colloqui di adesione con l’Albania e la Macedonia del Nord. I tre ministri, che ieri hanno visitato la capitale macedone Skopje, oggi si trovavano a Tirana dove hanno incontrato l’omologa, Olta Xhacka, e il presidente, Ilir Meta

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password