I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

22 Ottobre 2020 – Siria, uccisi 14 jihadisti da drone. Sanzioni a Cuba costano 5,57 miliardi. Italia, scontro sulla fine del blocco dei licenziamenti. Putin rigetta le accuse europee su Navalnyj. Hong Kong contro Germania

Un attacco portato da un drone non identificato ha ucciso 14 jihadisti fra i quali sei comandanti, nel nord-est della Siria. Lo ha annunciato l’Osservatorio siriano per i diritti dell’uomo. L’attacco ha colpito un gruppo di jihadisti nel villaggio di Jakara, nella regione di Salqin.

Nulla di fatto: il confronto dei sindacati con l’esecutivo, terminato in piena notte tra mercoledì e giovedì, non dà certezze sulla data in cui si potrà riprendere a licenziare. “Molto distanti le posizioni espresse dalle parti“, dicono in un comunicato congiunto Cgil, Cisl e Uil, chiedendo che le ulteriori 18 settimane di cassa integrazione, già annunciate dal Governo, procedano parallelamente ad un’estensione generalizzata del blocco dei licenziamenti.Insomma, i sindacati vorrebbero una proroga sino al 21 marzo, mentre l’esecutivo resta sulla data del 31 dicembre.

Il Fondo monetario internazionale ritiene che il processo di riforma costituzionale che si aprirà domenica con un referendum potrebbe portare il Cile a consolidarsi come un paese leader nella regione. Intanto il 25 ottobre oltre 14 milioni di cileni saranno chiamati proprio a decidere se approvare o respingere l’apertura di un processo costituente per la redazione di una nuova Costituzione in sostituzione dell’attuale, redatta originariamente durante la dittatura di Augusto Pinochet (1973-1990). Due i quesiti del referendum: il primo chiede se si è a favore della riforma, mentre il secondo quesito chiede che tipo di assemblea costituente dovrà costituirsi, se un’assemblea “mista costituzionale“, composta al 50 per cento da parlamentari e da costituenti eletti appositamente, oppure una un’assemblea interamente composta da costituenti appositamente eletti per l’occasione.

Il governo cubano ha denunciato oggi che l’isola ha perso la cifra record di 5,57 miliardi di dollari nell’ultimo anno a causa dell’embargo degli Stati Uniti. Secondo quanto riferito dal ministro degli Esteri Bruno Rodriguez, per la prima volta, l’ammontare dei danni economici causati dall’embargo Usa in un anno ha superato la barriera dei cinque miliardi di dollari. 

Putin ha per la prima volta affermato direttamente di avere la autorizzato di prima persona il trasferimento di Navalny in Germania, “appena la moglie si è rivolta a me“. E “c’erano limitazioni per i viaggi“, ha aggiunto, “ho subito chiesto alla procura di verificare la possibilità di farlo viaggiare all’estero per cure“. Il presidente russo ha chiesto all’ufficio del procuratore generale di consentire ad Aleksei Navalnyj di lasciare il paese per ricevere delle cure in Germania, nonostante le restrizioni nei suoi confronti in termini di espatrio. “Se le autorità russe avessero voluto uccidere Navalny avvelenandolo, non lo avrebbero mandato in Germania“: ha poi chiosato Putin. “Se davvero le autorità avessero voluto avvelenare qualcuno, non credo l’avrebbero mandato a curarsi in Germania, non è così?“.  Il presidente russo ha espresso dubbi circa le informazioni sulla scoperta nel corpo Navalnyj di tracce dell’agente nervino di classe Novichok. “Hanno detto che sono state trovate tracce di Novichok. Poi tutto questo materiale e’ stato trasferito all’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) e improvvisamente ci e’ stato detto che i trattava di qualcos’altro“, ha dichiarato Putin.

Le autorità di Hong Kong hanno severamente criticato la Germania per aver concesso asilo a una studentessa 22enne della locale università, parte della rete di attivisti che da mesi stanno protestando nell’ex colonia britannica. Come riferisce il quotidiano “Frankfurter Allgemeine Zeitung”, il console generale tedesco a Hong Kong, Dieter Lamle, è stato convocato dal governo locale per colloqui sulla questione.

L’attuale situazione sul terreno in Libia e il processo politico in atto sotto l’egida dell’Onu. Questi i temi centrali dell’incontro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente del Consiglio presidenziale libico, Fayez al Sarraj, avvenuto questa sera a Palazzo Chigi. Ai colloqui hanno preso parte anche i ministri degli Esteri Luigi Di Maio e Mohamed Siala. 

Proposta dal Partito socialdemocratico tedesco (SpD) al fine di contrastare l’estrema destra che sta riemergendo in Germania, la legge per la promozione della democrazia non verrà approvata entro la legislatura in corso, la cui scadenza è prevista per l’autunno del 2021. Unione cristiano-democratica (Cdu) e Unione cristiano-sociale (Csu) sono, infatti, contrarie a disciplinare per legge la promozione dell’ordinamento democratico.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha ricevuto oggi il suo omologo armeno, Armen Sarkissian, all’Eliseo, dopo aver parlato al telefono con il primo ministro di Erevan, Nikol Pashinyan, e il capo dello Stato azerbaigiano, Ilham Aliev. Lo ha reso noto la presidenza di Parigi.

La pressione sugli ospedali olandesi è “uno tsunami“, con quasi la metà dei posti letto nelle unità di terapia intensiva occupati da pazienti Covid-19. I pazienti iniziano ad essere trasferiti negli ospedali tedeschi. Dei 1.150 posti letto in terapia intensiva che i Paesi Bassi hanno ufficialmente, 463 sono occupati da pazienti Covid-19 e 460 con pazienti con altre patologie che richiedono cure intensive.

Il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, si è detto pronto a proporre una riforma costituzionale per difendere “l’interesse generale” del paese dinanzi allo stop imposto dalla Corte suprema alla politica sulla produzione di energia elettrica. Una riforma con cui, di fatto, il governo intende promuovere un riordino del comparto energetico dando piu’ centralita’ alle compagnie statali Pemex e Cfe

La Russia ha garantito il permesso di residenza permanente a Edward Snowden, l’ex tecnico dell’intelligence Usa che rivelò la pervasività del controllo della National Security Agency sulle comunicazioni dei cittadini.

I servizi di sicurezza russi dell’Fsb hanno sventato un attentato contro un eedificio pubblico della regione di Mosca. Il presunto organizzatore dell’attacco che avrebbe dovuto essere esplosivo, con l’impiego di un ordigno rudimentale, è originario dell’Asia centrale e ha 21 anni. E’ stato arrestato. Pianificava di raggiungere in seguito all’attentato un gruppo islamista in un Paese merio orientale.

L’Azerbaigian rivendica di aver ripreso il controllo di tutti i territori al confine con l’Iran che erano stati occupati dall’Armenia nella guerra conclusa nel 1994.

Un’alleanza militare tra la Russia e la Cina non è necessaria ora ma l’idea non può essere esclusa in futuro. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante una videoconferenza con esperti di politica estera internazionale. 

L’ex premier Saad Hariri è stato incaricato dal presidente libanese Michel Aoun di formare il nuovo governo del Libano. E’ la quarta volta per il leader sunnita che deve affrontare un Paese devastato dalla crisi economica, aggravata dall’esplosione che ad agosto ha distrutto il porto e provocato ingenti danni a mezza città, oltre che l’epidemia di Covid. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password