I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

2 Settembre 2021 – India, entro il 2045 raddoppio della domanda petrolifera. Romania, in migliaia in piazza contro il vaccino. Donald Trump da un giudice federale per ripristino account twitter. Cina al lavoro per ripristinare riduzione di elettricità in parti del Paese.

Entro il 2045 la domanda di petrolio dell’India dovrebbe salire a undici milioni di barili al giorno, piu’ del doppio rispetto a ora. Lo prevede l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) nel suo ultimo outlook mondiale. Nonostante la spinta verso le fonti energetiche rinnovabili, il Paese rimarra’ strettamente legato al petrolio nei prossimi due decenni. 

Migliaia di persone no vax, in massima parte vicine all’estrema destra, hanno manifestato in serata a Bucarest per protestare contro le nuove restrizioni annunciate dalle autorità per far fronte alla nuova massiccia ondata di contagi e decessi per il covid.

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, vuole che un giudice federale della Florida costringa Twitter a ripristinare il suo account, che la società ha sospeso a gennaio in seguito all’assalto al Congresso.

La Cina ha inviato gruppi di lavoro in varie province del Paese con lo scopo di assistere imprese e governi locali nella gestione dell’emergenza energetica, che nell’ultima settimana ha provocato la riduzione della fornitura di elettricità a imprese e privati in numerose aree. Lo ha reso noto l’Amministrazione energetica nazionale (Nea).

E’ stata rinviata al 10 ottobre la manifestazione annunciata per domani a Boumhel, alla periferia sud di Tunisi, dagli oppositori del presidente Kais Saied organizzata dal movimento “Cittadini contro il colpo di stato“.

Ancora sangue nell’Afghanistan avvitato in una spirale di violenza che sembra destinata inevitabilmente a crescere. L’ultimo attacco in ordine di tempo è avvenuto a Jalalabad, già teatro qualche giorno fa di altri attentati e ha portato alla morte di almeno quattro persone. Intanto Tolo News ha lanciato la notizia che una donna afghana sfollata dalla provincia di Baghlan a Kabul ha dovuto vendere il suo bambino di un anno e mezzo per comprare le medicina all’altra figlia di 13 anni malata.

L’Algeria, in una nota ufficiale, respinge ciò che ha descritto come “un’interferenza nei suoi affari interni“. La nota è stata diffusa alcune ore dopo aver richiamato il suo ambasciatore da Parigi in seguito ai commenti fatti dal presidente francese Emmanuel Macron in un’intervista. Le Monde attribuisce a Macron l’affermazione che l’Algeria ha una “storia ufficiale” che è stata “totalmente riscritta“.

L’ex presidente catalano Carles Puigdemont “resterà certamente in liberta’” dopo l’udienza fissata per lunedì presso la Corte d’Appello di Sassari che dovrà stabilire se accogliere o respingere la richiesta di estradizione avanzata nei confronti del leader indipendentista da parte dell’autorita’ giudiziaria spagnola: e’ la convinzione di Agostinangelo Marras, il suo avvocato in Italia, secondo quanto ha affermato lo stesso legale in un’intervista alla televisione pubblica catalana Tv3, per il programma Preguntes Frequents. 

Tornano le violenze nel carcere di Guayaquil, in Ecuador, dove martedì scorso una rivolta ha provocato 118 morti. La notizia degli spari di oggi è stata diffusa dalla stessa polizia sul suo profilo Twitter, senza parlare di vittime.

Con un volo delle Frecce tricolori francesi prende il via la giornata nazionale francese ad Expo, che viene vissuta all’insegna del cielo, dello spazio e della sua tecnologia futuristica. Il momento più importante della giornata è stato il collegamento in diretta con la Stazione Spaziale Internazionale dove l’astronauta francese Thomas Pesquet ha risposto alle domande di grandi e piccini collegati dalla piazza di Al Wasl ad Expo Dubai. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password