I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

2 Aprile 2021 – Attacco a Capitol Hill dii un seguace di Nation of Islam. Biden fa pace con la Corte Penale internazionale. Continuano le ingerenze turche, arrestato esponente Pkk. FB perde causa contro piccola sturtup milanese. Corea del Nord in forte difficoltà.

Sarebbe stato un seguace venticinquenne dell’Indiana apparente al movimento ‘Nation of Islam‘ il responsabile dell’attacco di qualche ora fa a Capitol Hill, che si è scagliato con un’auto contro un posto di blocco davanti al Campidoglio, uccidendo un agente e ferendone un altro, prima di essere ucciso da spari esplosi dalla polizia. I seguaci della ‘Nation of Islam’ si definiscono membri di una “setta islamica militante”, che mette insieme elementi dell’Islam tradizionale e del nazionalismo della comunità nera. Uno dei leader storici è stato Malcom X, ucciso nel ’65 dagli stessi adepti dell’organizzazione dopo che, fu l’ipotesi prevalente, si era allontanato dalla Nation of Islam. Sale a tre il numero di agenti della US Capitol Police uccisi da inizio anno.

La Corte penale internazionale (Cpi) ha salutato l’avvio di una “nuova fase” nelle relazioni con gli Stati Uniti dopo la decisione del dipartimento di Stato di revocare le sanzioni imposte da Donald Trump sul capo procuratore, Fatou Bensoud, e il suo staff.

La polizia turca ha arrestato stasera l’esponente politico curdo dell’Hdp Omer Faruk Gergerlioglu, destituito due settimane fa tra forti proteste dalla carica di parlamentare dopo una condanna in via definitiva a due anni e mezzo per “propaganda terroristica” a favore del Pkk. 

Diplomatici e operatori umanitari stanno lasciando la Corea del Nord a causa della grave carenza di cibo e di farmaci, oltre che di altri beni essenziali. Ieri l’Ambasciata russa a Pyongyang ha riferito di un’uscita collettiva dei diplomatici dalla Corea del Nord. Sono stati inoltre chiuse le rappresentanze diplomatiche del Regno unito, del Venezuela, del Brasile e della Germania. 

Dichiarato “estinto” dalla Cassazione dopo un “accordo transattivo” il processo tra Facebook, il colosso dei social, e una piccola agguerrita start up milanese, la Business Competence. A portare in giudizio la società di Mark Zuckerberg è stata la software house ‘microbo’ che ha sostenuto che la sua app Faround del 2012 – tramite geolocalizzazione segnalava negozi e ristoranti in zona secondo i gusti dell’utente – era stata ‘copiata’ pochi mesi dopo dalla app Nearby di Fb. Nel 2018 la Corte di Appello ha constatato la “violazione del diritto d’autore“, e a gennaio il risarcimento è stato calcolato in 3,8mln di euro. 

Il bacino di petrolio e gas non convenzionali di Vaca Muerta in Argentina ha registrato a marzo un nuovo picco record di attivita’ estrattiva. E’ quanto afferma un rapporto dell’esperto Luciano Fucello, country manager della società Ncs Multistage, secondo il quale il numero di “fratture” realizzate nel terzo mese di quest’anno (751) ha superato il record precedente registrato a febbraio del 2019 (719). 

Decine di manifestanti si sono riuniti fuori dalle abitazioni dei leader politici Naftali Bennett, Gideon Sa’ar e Benny Gantz, esortandoli a non formare un governo con il premier israeliano, Benjamin Netanyahu. E’ la prima volta da quando si sono tenute le elezioni nello Stato ebraico, il 23 marzo, che tornano le proteste contro il leader del Likud.

Il ministro degli esteri serbo Nikola Selakovic ha criticato con forza l’europarlamentare verde tedesca Viola von Cramon, che ha chiesto alla Spagna di riconoscere l’indipendenza del Kosovo. 

Circa 4.000 persone, delle quali 1.800 sono minori, vivono alle porte di Madrid senza elettricità da sei mesi esatti in quello che viene abitualmente descritto dai media spagnoli come l’insediamento illegale più grande d’Europa, oltre che fulcro della distribuzione di droga nella capitale del Paese iberico.

La situazione resta tesa al parco del Bois de la Cambre a Bruxelles, dove la polizia è entrata in azione per disperdere alcuni assembramenti ed evacuare la zona, anche facendo ricorso agli idranti. 

Sono ancora 61 le navi in attesa di attraversare il Canale di Suez rimasto bloccato dal 23 al 29 marzo scorso a seguito dell’incagliamento della nave portacontainer Ever Given al chilometro 151 della via d’acqua. 

Boko Haram ha rivendicato l’abbattimento di un jet militare scomparso dai radar ieri in Nigeria, con un video diffuso oggi dal gruppo jihadista collegato all’Isis. L’aereo volava a supporto dei militari che combattono gli islamisti nello Stato di Borno, nel nord-est del Paese.

Dopo un anno sono stati riaperti una serie di parchi divertimento in California, da Disneyland a Lagoland agli iconici studi cinematografici della Universal Studios di Hollywood. Il provvedimento, approvato il 5 marzo, prevede una capienza limitata al 15 per cento per i parchi a tema, mentre per le aree sportive e di intrattenimento la capienza sale al venti per cento.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password