I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

19 Novembre 2020 – Biden torna ad attaccare Trump e riporta gli Usa nell’OMS. Lettera dell’Italia all’Egitto per rilascio dirigenti dell’ONU Eipr. Francia, Amazon posticipa il Black Friday per anticipare riapertura negozi.

Il presidente subjudice degli Usa, Joe biden, ha fatto sapere in un messaggio video che dal primo giorno in carica si impegnerà a rientrare nell’Organizzazione mondiale della sanità e negli accordi per il clima di Parigi. Non è mancato neppure un attacco a Donald Trump che non “concede” era sconfitta: “Sta mostrando un’incredibile irresponsabilità e sta dando un messaggio negativo al mondo“.

L’ambasciatore d’Italia al Cairo, secondo la Farnesina, avrebbe inviato, insieme a numerosi capi missioni di altri Paesi non solo europei, una lettera al ministro degli Esteri egiziano, Sameh Shoukry, per richiedere il rilascio dei dirigenti dell’organizzazione EIPR Abdel Razek, Mohammed Basheer cui si è aggiunto stasera Karim Ennarah. Si tratte dell’ONU per cui lavorava lo studente Patrick Zaky.

Buzzfeed comprerà la testata digitale HuffPost da Verizon Media nell’ambito di un accordo più ampio tra i due gruppi che prevede uno scambio di azioni e la condivisione di contenuti e piattaforme digitali. 

Amazon è pronta a posticipare di una settimana in Francia l’operazione promozionale del “Black Friday“, come richiesto dal governo, per consentire di anticipare di qualche giorno la riapertura dei negozi ma senza rischiare gli assembramenti della grande giornata dei saldi.

Il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus ha negato l’accusa avanzata dal suo Paese d’origine, l’Etiopia, secondo cui avrebbe fatto pressioni sulle nazioni vicine per fornire armi e altro supporto alla regione del Tigray, che si è scontrata con il governo federale. 

Facebook ha detto che gli strumenti di intelligenza artificiale (IA) hanno aiutato l’azienda nella rimozione dei discorsi d’odio sulla piattaforma.

E’ di 16 morti e 45 feriti, alcuni molto gravi, il bilancio di due giorni di scontri a Kampala scatenati da un ennesimo arresto del candidato alle elezioni presidenziali del gennaio 2021, il cantante popolare Bobi Wine.

La Siria ha condannato oggi “nel modo più duro” la visita del segretario di Stato americano Mike Pompeo sulle alture del Golan “occupate“, affermando che si tratta di un “atto provocatorio” prima che il presidente Trump lasci il suo incarico. Il segretario di Stato Usa ha poi incontrato il capo del Mossad Yossi Cohen.

La seconda ondata della pandemia del coronavirus rischia di causare nuovi danni all’economia europea, ma la Bce è pronta a fare da scudo ancora una volta per evitare conseguenze ancor più pesanti. L’allarme è stato lanciato dal Fondo Monetario Internazionale e dall’Ocse.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha avuto un colloquio in videoconferenza con l’omologo azerbaigiano, Ilham Aliyev, seguito da un secondo colloquio con il primo ministro armeno, Nikol Pashinyan. Il presidente francese chiede che sia garantito il rientro nelle proprie abitazioni a decine di migliaia di cittadini che sono fuggiti dal conflitto.

In Russia potrebbe arrivare presto una stretta ai social media statunitensi, accusati di aver discriminato i siti d’informazione locali. Un gruppo di deputati, appartenenti per lo più al partito del presidente Vladimir Putin, Russia Unita, ha presentato alla Duma una proposta di legge che prevede sanzioni, fino al completo blocco dei portali online che “limitano l’accesso ai materiali dei media russi” e “violano la libertà di ricevere informazioni nella lingua nazionale“. La misura potrebbe potenzialmente applicarsi ai colossi della Silicon Valley quali Twitter, Facebook e YouTube.

Un’esplosione avrebbe colpito oggi il gasdotto Al Arish-Al Qantara nella penisola egiziana del Sinai. Dal sito si sono alzate fiamme e dense colonne di fumo. 

La presidente della Cdu e ministra della Difesa Annegret Kramp-Karrembauer ha chiesto le dimissioni della ministra della Famiglia socialdemocratica Franziska Giffey, nel caso le venga ritirato il titolo di dottorato per plagio dalla Frei Universitaet di Berlino. 

Nonostante “gli importanti passi avanti” compiuti per pace e la stabilità della Libia nel corso delle ultime settimane, “la situazione rimane instabile“: è quanto ha detto oggi l’inviato speciale ad interim dell’Onu, Stephanie Williams, riferendo al Consiglio di sicurezza.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password