I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

18 Maggio 2021 – Sciopero in Argentina per stop esportazioni carne. Italia, segnali poco incoraggianti per l’occupazione. Giovedì possibile tregua tra Gaza e Israele smentita da Hamas. Biden, nessuna sanzione su Nord Stream 2

Le associazioni riunite di produttori e allevatori dell’Argentina (Mesa de Enlace) e la Società rurale argentina (Sra) hanno convocato uno sciopero di 24 ore a partire da giovedi’ 20 maggio in risposta all’annuncio del governo di Alberto Fernandez di voler sospendere per un mese le esportazioni di carne come misura per cercare di calmierare i prezzi del mercato interno. 

Continua la ripresa del mercato del lavoro, seppure a ritmi moderati. Lo rileva il rapporto “Mercato del lavoro: dati e analisi” del ministero del Lavoro e della Banca d’Italia, redatto sulla base delle Comunicazioni obbligatorie. Tra gennaio e aprile – sottolinea il rapporto – sono state create circa 130.000 posizioni di lavoro, a fronte delle oltre 230.000 distrutte nello stesso periodo dell’anno prima. Rispetto al periodo precedente la pandemia i licenziamenti complessivi si sono più che dimezzati, per effetto del blocco di quelli per motivi economici: sono diminuiti di 240.000 unità nel 2020 e di 120.000 nei primi quattro mesi del 2021. 

Il partito-milizia palestinese Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, ha smentito le indiscrezioni di stampa secondo le quali un cessate un fuoco con Israele potrebbe entrare in vigore a partire da questo giovedì.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha intenzione di rinunciare alle sanzioni contro l’amministratore delegato e l’entità aziendale che sovrintendono alla costruzione del gasdotto Nord Stream, 2 che conduce dalla Russia alla Germania passando per il Mar Baltico.

La Polizia federale del Brasile ha avviato una indagine sulle minacce ricevute da alcuni senatori che fanno parte della Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) che indaga sulle presunte negligenze del governo del Brasile nella gestione dell’emergenza Covid-19.

 I partecipanti al vertice sul finanziamento delle economie dei Paesi africani che si e’ tenuto oggi a Parigi hanno concordato una rimozione dei brevetti sui vaccini contro il Covid-19. E’ questo il principale annuncio avvenuto al termine del summit odierno che ha riunito nel Grand Palais della capitale francese i principali capi di Stato africani ed europei (tra cui il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi).

La Casa Bianca ha approvato il rilascio di tre dei 40 prigionieri ancora detenuti nel discusso carcere interno alla base militare statunitense di Guantanamo, sull’isola di Cuba.

La riunione d’emergenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu di oggi sulla situazione a Gaza si è conclusa senza alcun risultato. Lo riporta il Times of Israel che cita “quattro diplomatici coinvolti nell’incontro“. I jet israeliani hanno lanciato decine di attacchi aerei consecutivi nella Striscia di Gaza.

Nello stato indiano dell’Uttar Pradesh (Nord), la cui popolazione e’ per il 20% di musulmani, l’amministrazione comunale di Ram Sanehi Ghat, nel distretto di Barabanki, ha fatto demolire una moschea storica, sfidando un ordine contrario dell’alta corte statale. Lo riferisce il quotidiano Times of India

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password