I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

18 Luglio 2020 – Vola il PIL cinese, + 3,2%, export +4,3%. Ancora un nulla di fatto sul Recovery Fund. Trump cede, niente più mega raduni

Il Prodotto interno lordo (Pil) della Cina e’ aumentato del 3,2 per cento in aprile-giugno rispetto all’anno precedente, invertendo un calo del 6,8 per cento nel primo trimestre, che ha segnato la prima contrazione dal 1992 ad oggi. Lo ha reso noto l’Ufficio nazionale di statistica cinese (Nbs). Il commercio estero della Cina é aumentato del 5,1 per cento su base annua a giugno, con esportazioni e importazioni in crescita rispettivamente del 4,3 e del 6,2 per cento. 

Non sono stati sufficienti due giorni di negoziati per trovare una intesa sul Recovery Fund e il bilancio UE. Unica timida riapertura il fatto che i leader si siano riconvocati domenica per tentare un nuovo accordo. La cancelliera tedesca Angela Merkel, contrapponendosi ai Paesi frugali, si sarebbe comunque opposta alla presentazione di una nuova proposta negoziale con ulteriori tagli ai sussidi del Recovery Fund. Orban e Morawiecki hanno invece chiesto la rimozione di qualsiasi riferimento alla condizionalità. Ottimismo invece da parte del cancelliere austriaco Kurz.

Donald Trump cede. Niente più mega raduni in stile ‘Make America Great Again’. Fino a quando ci sarà il coronavirus gli appuntamenti elettorali avverranno in teleconferenza.

Italia, Francia e Germania si sono dichiarate pronte a valutare delle sanzioni contro i Paesi esteri che violino l’embargo sulle armi alla Libia, chiedendo a “tutte le parti estere di cessare le loro interferenze”·

Bufera sul viceministro all’Economia Laura Castelli che invita i ristoratori italiani in difficoltà a cambiare mestiere. “Quelle della Castelli sono parole frutto di una scarsa conoscenza del problema. L’enogastronomia italiana legata al turismo, infatti, non è un settore sostituibile in alcun modo”.

A distanza di un anno da Notre Dame a Parigi, brucia la cattedrale di San Pietro e Paolo a Nantes, altro simbolo dell’architettura gotica francese ma anche riferimento per i cristiani d’Oltralpe. Il rogo è divampato sabato mattina e gli inquirenti hanno aperto un’indagine per incendio doloso dopo che sono stati trovati tre inneschi: uno a livello del grande organo, uno a destra e uno a sinistra della navata, stando a quanto riferisce il procuratore della città, Pierre Sennès

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password