I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

18 Giugno 2021 – John Chris Inglis primo direttore Usa per la cyber sicurezza. Vescovi Usa negheranno comunione a Biden e politici pro aborto. 380 palestinesi ricoverati per inalazione di gas negli scontri con Israeliani. Merkel e Macron chiedono maggiore dialogo con Mosca e Ankara

John Chris Inglis è ufficialmente il primo direttore di cyber sicurezza della storia americana.

Scontro totale tra i vescovi cattolici americani e Joe Biden. Con una schiacciante maggioranza (168 sì e 55 no) la Conferenza episcopale Usa, l’Usccb, ha approvato un documento formale “sul significato dell’Eucarestia nella vita della Chiesa” che potrebbe impedire al capo della Casa Bianca e agli altri politici cattolici favorevoli al diritto all’aborto di fare la comunione.

Più di 380 palestinesi sono rimasti feriti negli scontri con i soldati israeliani vicino Nablus, in Cisgiordania, nelle proteste contro la presenza di l’insediamento illegale di Eviatar. Di questi la maggior parte, 286, hanno sofferto disturbi conseguenti all’inalazione di gas e 55 colpiti da proiettili di gomma.

La cancelliera tedesca, Angela Merkel e il presidente francese, Emmanuel Macron, hanno difeso il dialogo con Russia e Turchia. 

L’oppositore venezuelano Juan Guaidò ha annunciato che una delegazione di suoi rappresentanti farà presto un tour internazionale per discutere una graduale revoca delle sanzioni contro il governo di Nicolas Maduro in vista di possibili negoziati sullo svolgimento delle elezioni. 

Tutti i Paesi fermino la vendita di armi a Myanmar in seguito all’adozione di una risoluzione da parte dell’Assemblea Generale dell’Onu che condanna la violenza nel Paese.

Le autorità dell’Etiopia incaricate delle politiche per l’immigrazione hanno temporaneamente sospeso i visti d’ingresso per i passeggeri in arrivo dall’Egitto.

I funzionari dell’amministrazione del presidente Usa, Joe Biden, insistono sul fatto che il recente picco dell’inflazione sarà temporaneo, ma il tema rischia di infiammare il dibattito politico statunitense nei prossimi mesi. Lo rileva il quotidiano “The Hill“. Intanto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti, ha temporaneamente sospeso un pacchetto di aiuti militari all’Ucraina che includerebbe armi letali, un piano da 100 milioni di dollari originariamente progettato in risposta ai movimenti di truppe russe lungo il confine con l’Ucraina nei mesi scorsi. 

L’ex presidente Donald Trump è contrario al boicottaggio delle Olimpiadi invernali di Pechino nel 2022, come chiedono gli attivisti che denunciano la continua violazione dei diritti umani da parte della Cina. Sarebbe “ingiusto verso gli atleti“.

Uno degli impegni prioritari della prossima presidenza slovena della Ue sarà lo sblocco dell’impasse e l’avvio del negoziato di adesione con la Macedonia del Nord. Lo ha detto oggi il presidente Borut Pahor, secondo il quale si tratta di una ‘questione morale’.

Le sfide, le opportunità ed i nuovi scenari di mercato nel comparto della meccanica in Cina sono state al centro di un webinar organizzato dall’ambasciata d’Italia a Pechino, Confindustria e Camera di commercio italiana in Cina (Ccic) con il sostegno di Agenzia ICE e gruppo SACE. 

La redazione dell’emittente radiofonica francese “Europe 1” si è messa in sciopero fino a lunedì prossimo per protestare contro una sanzione decisa nei confronti di un giornalista. Il giornalista sarebbe stato sanzionato per delle dichiarazioni “veementi” ma non “offensive” pronunciate durante un’assemblea nei confronti di una responsabile delle risorse umane, sospettata di aver registrato la riunione per trasmettere le dichiarazioni dei partecipanti alla direzione.

Secondo un nuovo rapporto dell’UNICEF lanciato oggi, i servizi per l’infanzia di qualità a costi contenuti sono inaccessibili in molti dei paesi più ricchi del mondo. L’Italia si colloca 15esimo su 41 paesi esaminati, 28esimo per i congedi parentali retribuiti e per l’accesso dei bambini ai servizi per l’infanzia, 14esimo per la qualità dei servizi, ma primo per l’accessibilità economica, insieme a Cile e Malta. 

Un’accelerazione sulla collaborazione con i Paesi terzi, come la Tunisia, il Marocco o la Libia, per limitare le partenze dei migranti. A chiederlo il ministro italiano Luciana Lamorgese.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password