I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

16 Luglio 2020 – Scandalo Spagna: politici catalani spiati dai servizi segreti. Stop crociere negli Usa. Conte e Macron alleati per il Recovery

I politici indipendentisti catalani erano spiati dai servizi segreti tramite un software installato sui loro telefoni. Le rivelazioni derivanti da una inchiesta del The Guardian e El Pais aprono un problema che “non e’ solo giudiziario ma e’ per me politico”, ha dichiarato il vicepremier spagnolo, Pablo Iglesias. 

Il Cdc, agenzia sanitaria federale che protegge la salute, ha decidono di sospendere fino al 30 settembre il transito di qualsiasi tipo di nave crociera negli Stati Uniti per il forte rischio che diventino nuovi focolai di Covid-19. Inizialmente il blocco era previsto fino al 24 luglio.

Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, ha parlato oggi con il Ministro degli Esteri britannico Dominic Raab e ha discusso la decisione del Regno Unito di estromettere la cinese Huawei dalle sue reti 5G per costruire insieme alternative. Intanto il procuratore generale Bill Barr ha lanciato un allarme circa quella che potrebbe essere la “più importante questione per la nostra nazione e il mondo nel XXI secolo”: le “ambizioni globali” del Partito comunista cinese. In un discorso al museo presidenziale Gerald Ford, Barr ha accusato Pechino di aver “lanciato una campagna militare” incentrata sull’economia con l’obiettivo di “dominare l’economia globale” e “rimpiazzare gli Stati Uniti” come super potenza mondiale. 

Il premier ha commentato l’incontro il presidente Macron con un post sulla sua pagina Facebook: “Appena concluso a Bruxelles un proficuo incontro con Emmanuel Macron in vista del Consiglio europeo di domani. C’é forte intesa per raggiungere con rapidità un accordo sulla risposta comune alla crisi del COVID19. Una risposta ambiziosa, responsabile e solidale per ricostruire le nostre economie e rafforzare il progetto europeo”. Il presidente del Consiglio poi ha bacchettato l’Olanda che aveva chiesto di approvare all’unanimità le regole europee “è una richiesta non in linea con le regole Ue”.

L’Italia non tornerà mai più alle chiusure anti-coronavirus viste durante il picco pandemico, grazie “all’esperienza accumulata nei scorsi mesi e al lavoro che é stato fatto nelle infrastrutture di emergenza”. 

“Qualsiasi azione ostile contro la Russia non sara’ lasciata senza una nostra appropriata e adeguata risposta”: lo ha detto alla Tass un diplomatico dell’ambasciata russa a Londra commentando le accuse britanniche di un attacco hacker per carpire i segreti delle ricerche occidentali sul vaccino contro il coronavirus e di interferenze russe nelle elezioni parlamentari britanniche del dicembre 2019.  “La Russia non ha mai interferito e mai interferira’ negli affari interni del Regno Unito, soprattutto nel contesto delle elezioni democratiche, e mantiene sempre la cooperazione sulle questioni di evidente interesse reciproco in maniera aperta e cordiale. lo stesso riguarda la battaglia contro il coronavirus”.

Gli Stati Uniti hanno criticato la missione navale dell’Unione europea incaricata di far rispettare l’embargo sulle armi in Libia, giudicandola, come la Turchia, di parte. Gli europei hanno istituito l’Operazione Irini per garantire il rispetto dell’embargo delle Nazioni Unite. Ma a giugno è scoppiato un incidente navale tra Francia e Turchia, entrambi membri Nato, che avrebbe dovuto collaborare con questa missione dell’Ue. Il vice segretario di Stato per il Medio Oriente, David Schenker, ha dichiarato a proposito degli europei che “le uniche restrizioni che applicano” riguardano le “attrezzature militari turche”. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password