I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

14 Luglio 2020 – Fuga da Hong Kong. Prove di alleanza tra Trump ed Erdogan per la Libia. Merkel riceve il “nein” di Rutte sul Recovery Fund

“Molta gente” lascera’ Hong Kong dopo la stretta di Pechino con la legge sulla sicurezza. Lo ha detto il presidente Donald Trump annunciando sanzioni contro la Cina e la fine dello status privilegiato di Hong Kong nelle relazioni commerciali con gli Usa. Novità anche sul fronte del conflitto libico: in una conversazione telefonica, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan hanno concordato oggi di lavorare “più da vicino”. 

Donald Trump ha approfittato della conferenza stampa sulla Cina per attaccare il suo rivale alla Casa Bianca Joe Biden, accusandolo su vari fronti, dalla pandemia alla sua presunta intenzione di togliere fondi all’esercito. E lo ha definito debole verso Pechino.

Migliaia di israeliani hanno manifestato fuori dalla residenza ufficiale del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, chiedendo al leader di dimettersi, mentre affronta un processo per corruzione e si trova alle prese con una crisi sempre più profonda del coronavirus.

Nel giorno in cui la Francia celebra la festa nazionale, gli operatori sanitari – acclamati com ‘eroi’ durante la crisi del coronavirus – sono scesi in piazza a Parigi, in una manifestazione indetta da diversi sindacati per denunciare l’accordo concluso con il governo, ritenuto insufficiente. Sui cartelli esposti, slogan contro i tagli alla sanita’ e la mancanza di personale: “Risparmiare ci costa vite”, “dietro i tributi, Macron soffoca gli ospedali”, e anche “fedele ma sottovalutata”, come ha sottolineato un’infermiera.

La cancelliera tedesca Angela Merkel continua a tessere la sua tela, con l’obiettivo dichiarato di mettere in piedi “al più presto” il fondo per la ripresa dell’Europa colpita dalla pandemia di coronavirus. Ieri l’incontro al Castello di Meseberg con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, oggi e’ stata la volta del premier spagnolo Pedro Sanchez, accolto alla cancelleria di Berlino. Il premier olandese però continua ad annunciare che porrà veti sull’erogazione dei fondi a paesi come l’Italia.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password