I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

11 Settembre 2021 – Il mondo ricorda l’11 settembre. Perù, Morto il leader della guerriglia Abimael Guzman. Iran non concede videocamere in impianti nucleari.

Il presidente Usa, Joe Biden, ha concluso la cerimonia di omaggio alle vittime dell’11 settembre, nel ventennale degli attentati, visitando il Pentagono, dove si schiantò un aereo, uccidendo 184 persone. Commemorazioni e ricordi arrivano da tutto il mondo.

Abimael Guzman, storico leader peruviano della guerriglia di ispirazione maoista Sendero luminoso, è morto oggi in carcere all’età di 86 anni, ha annunciato alla stampa a Lima il suo avvocato.

Diversi razzi sono caduti su un’area vicino all’aeroporto internazionale di Erbil, che ospita le forze statunitensi nel nord dell’Iraq.

L’Iran non concederà all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) l’accesso alle telecamere di sorveglianza degli impianti nucleari iraniani: lo scrive la Press TV.

Il primo ministro di Haiti, Ariel Henry, è stato chiamato dal procuratore capo del paese a testimoniare per spiegare il suo legame con il principale sospettato nell’uccisione del presidente Jovenel Moise, il 7 luglio 2021 nella sua residenza privata. 

Dopo la fine del principale corteo del movimento indipendentista catalano in occasione della festa della Diada a Barcellona, si sono registrati tafferugli per strada tra alcuni manifestanti e agenti della polizia: lo riportano diversi media iberici. 

Uno dei creditori della compagnia aerea indiana Jet Airways, la Punjab National Bank (Pnb), si è rivolto al National Company Law Appellate Tribunal (Nclat), il tribunale fallimentare d’appello dell’India, e ha chiesto l’annullamento del piano di risoluzione del consorzio Kalrock-Jalan, approvato dal tribunale di primo grado, National Company Law Tribunal (Nclt), il 22 giugno. 

Il premier Naftali Bennett ha elogiato le forze di sicurezza per la cattura di 4 dei 6 detenuti palestinesi fuggiti nei giorni scorsi dal carcere di Gilboa. 

Un uomo si è tolto la vita dandosi fuoco oggi pomeriggio nel centro di Tunisi. Soccorso da passanti e vigili del fuoco, era stato trasportato al centro grandi ustionati di Ben Arous, dove è poi deceduto. 

La Russia accusa gli Stati Uniti di interferire con le elezioni parlamentari che si svolgeranno la prossima settimana. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Sakharova, ha infatti affermato che l’app “smart vote” usata dai sostenitori di Alexei Navalny per esortare i russi a votare candidati che si oppongono a Vladimir Putin era “in un modo o in un altro collegata al Pentagono”. L’app è stata bloccata già da diversi giorni e le autorità russe hanno anche bloccato le ricerche su Google o Yandex con le parole chiave ‘smart vote’.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password