I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

11 Ottobre 2021 – Amazon, saranno i dipendenti a scegliere le modalità di lavoro da casa o dall’ufficio. Vertice telefonico tra Putin, Merkel e Macron per questione Ucraina. Libano, Hezbollah chiedono norme protezionistiche per scongiurare caro carburanti

Amazon cambia il suo approccio al mondo del lavoro, dando la possibilità ai dipendenti di aver maggior controllo del loro tempo e decidere la modalità migliore in cui lavorare in base alle proprie mansioni. L’azienda, riporta la Cnn, permetterà ai singoli team di decidere quale politica funziona meglio per loro: se un ritorno a tempo pieno alla vita d’ufficio o rimanere per lo più a lavorare a distanza. 

Il presidente russo Vladimir Putin, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron hanno avuto oggi un colloquio telefonico. “Le parti hanno discusso in dettaglio della preoccupante situazione relativa allo stallo nel processo di risoluzione del conflitto ucraino. I tre leader hanno sottolineato l’importanza dell’attuazione degli accordi di Minsk del 2015 come unica base di risoluzione“. 

La presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha accusato la Serbia di abusare del suo status di osservatore in seno al Movimento dei Non Allineati per distorcere la verità sul Kosovo e fare propaganda contro Pristina. 

Il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, ha incontrato la rappresentante per il Commercio degli Usa, Katherine Tai, a margine della ministeriale G20 sul Commercio internazionale a Sorrento.

Il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah ha chiesto al governo libanese di trovare una soluzione “radicale” alla crisi del carburante: l’offerta del ministro degli Esteri di Teheran, Hossein Amirabdollahian, di continuare a foraggiare il Paese dei Cedri con il proprio petrolio – sotto sanzioni – e di costruire due centrali elettriche ha incontrato la cautela del premier Najib Mikati, consapevole dei potenziali rischi della manovra.

Non commento la decisione del tribunale costituzionale polacco, ci sono state molte decisioni simili in altri paesi, ma non commento questa decisione“. Così il commissario Ue all’Agricoltura, il polacco Janusz Wojciechowski.

Circa 170 bambini haitiani sono arrivati due giorni fa a Port-au-Prince con i loro genitori dopo esser stati espulsi da Cuba, principalmente, e dagli Stati Uniti. Molti dei bambini provengono da Haiti sudoccidentale e sono partiti due o tre settimane dopo il terremoto dello scorso agosto nel tentativo di raggiungere gli Stati Uniti. Lo denuncia l’Unicef.

E’ riuscito a scappare dal suo Paese l’interprete afghano che nel 2008 salvò Joe Biden dopo un atterraggio di emergenza in elicottero. Aman Khalili ha annunciato che lui e la sua famiglia hanno lasciato il Paese la settimana scorsa, attraversando il confine del Pakistan.

Alla vigilia del G20 straordinario sull’Afghanistan, il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres ha denunciato le promesse “non mantenute” dei talebani alle donne e alle ragazze afgane.

La situazione umanitaria e socio-economica in Afghanistan è sull’orlo del collasso. Secondo il Norwegian Refugee Council, almeno 1 milione di bambini rischiano di morire di freddo e fame questo inverno, a meno che non ottengano l’assistenza adeguata. Non possiamo ‘aspettare e vedere’. Dobbiamo agire, e agire rapidamente“. Lo ha detto l’Alto rappresentante per la politica estera Ue, Josep Borrell, a margine della videoconoferenza informale dei ministri dello Sviluppo.

E’ positivo l’atteggiamento di Partito socialdemocratico tedesco (SpD), Verdi e Partito liberaldemocratico (Fdp) al termine delle consultazioni approfondite a tre che hanno tenuto oggi sulla possibile formazione di una coalizione di governo. Come riferisce il quotidiano “Frankfurter Allgemeine Zeitung“, i colloqui si sono protratti per dieci ore a porte chiuse e proseguiranno nella giornata di domani, 12 ottobre.

I numeri in calo dei contagi da coronavirus “sono un segno incoraggiante, ma non bisogna abbassare la guardia troppo presto” ha detto Salman Zarka, il coordinatore della lotta alla pandemia in Israele durante una conferenza stampa online in cui ha esaminato il calo delle infezioni nel Paese e i piani per allentare il regime di quarantena per i bambini delle scuole.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha trasmesso all’omologo messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, l’impegno della Casa Bianca ad affrontare assieme le cause del flusso migratorio verso il nord del Continente. In una lettera inviata la scorsa settimana e resa pubblica oggi, Biden ha detto condividere con Lopez Obrador, la “stessa visione del sistema migratorio e di voler ampliare la cooperazione“, in particolare “aumentando gli investimenti nel sud del Messico e nel nord dell’America centrale“.

E’ polemica, nella città renana di Colonia, per il via libera al canto del muezzin: secondo un progetto pilota, risuonerà ogni venerdì in un lasso di tempo compreso tra le 12 e le 15, per una durata che ogni volta non dovrà superare i cinque minuti. Il via libera è giunto dopo numerosi incontri con le comunità delle moschee locali (sono ben 45) e con tanto di valutazione giuridica, e per ora il progetto avrà durata di due anni.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password