I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria
Rassegna Stampa

Rassegna Stampa Italia – 28 Maggio 2020

“Maxi piano Ue, Italia in testa”. Apre così Corriere della Sera che però evidenzia come Olanda e Svezia siano contrarie, ammorbidita la posizione della Merkel. Preoccupazione per possibili tensioni sociali: già tre politici finiti sotto scorta. Anche Il Sole24Ore evidenzia il nuovo Fondo UE da 750miliardi e la soddisfazione del premier Conte ma c’è preoccupazione perché le risorse potrebbero non arrivare nel 2020. Confindustria poi chiede l’abolizione totale dell’IRAP. La Verità all’attacco continua i suoi scoop su magistratopoli “Il PD ordina: ‘attaccate Salvini’. Il Giorno dopo i giudici eseguono”. In risalto poi le trame dell’ex capo dei pm di Roma per un giro di nomine. La Repubblica titola “All’Italia 172 miliardi” e poi ospita le interviste a Colao “Così diventeremo un Paese per giovani” e di Zingaretti “Ora un piano per spendere i soldi dell’UE”. La Stampa definisce “scossa” il Piano UE e parla di “fumata bianca”. Soddisfazione da Conte e anche Giorgia Meloni apre. Sala si candida a presidente della Regione Lombardia. In grande evidenza la rivolta a Minneapolis per l’uccisione di un afroamericano da parte di un agente di polizia. L’Osservatore Romano evidenzia l’orrore a Raqqa dove si è trovata una fosse comune dell’IS. Libero denuncia come Conte punisca gli imprenditori scaricando a loro la responsabilità del contagio covid-19 presto fuori dal luogo di lavoro. Poi la denuncia “Fontana rischia davvero la pelle. Gli estremisti di sinistra lo minacciano”. Il Gazzettino ospita una intervista al presidente del Veneto Zaia dove spiega la sua ricetta per far tornare i turisti nella sua regione. Avvenire apre con “Il piatto non piange” parlando della Commissione UE e della sua proposta. E poi si domanda se l’autogoverno della magistratura non sia più una virtù. Inoltre in risalto la questione sierologico: se si risulta positivi si rischiano settimane di quarantena. Il Fatto Quotidiano gongola “Il MES nell’angolo. L’Italia ora respira”. Il Foglio non è da meno “Un brutto momento per odiare l’Europa”. Poi interessante articolo sui problemi del web e della poca assunzione di responsabilità nella gestione delle informazioni della Fase 2. Il Riformista ospita una intervista al procuratore Gaspare Sturzo “Liberi e forti, forse. Ma anche loro in ginocchio dai Palamara”. Il Manifesto apre a tutta pagina “Dulcis in fund” e poi racconta le rivolte a Minneapolis.

Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password