I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria
Rassegna Stampa

Rassegna Stampa Italia – 2 Giugno 2020

“Dividersi è inaccettabile” questo il monito del presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione dei festeggiamenti per il 2 giugno riportato a tutta pagina da Corriere della Sera. Romano Prodi intervistato chiede allo Stato di diventare azionista delle aziende italiane. Intanto si placa l’entusiasmo sul Recovery Plan “Tempi lunghi” chiosa Federico Fubini. Negli Stati Uniti non bastano i poliziotti in ginocchio per chiedere scusa, è caos. Il Sole24Ore lancia l’allarme cassa integrazione per il suo rinnovo anche in autunno. Poi i dati sul recupero dell’evasione: nel 2019 trovati 20 miliardi. La Verità continua a pubblicare le intercettazioni che coinvolgono magistrati ora spuntano quelle dove Palamara se la prende con il pm di Banca Etruria “Così si indebolisce Renzi”. Dal San Raffaele uno studio che evidenzia l’allentamento del virus, ma non si può dire. La Repubblica apre con Mattarella e la sua richiesta di unità e se la prende con il centrodestra che scende in piazza. Intervista a Giorgia Meloni che non giustifica i Gillet arancioni ma li cavalca affermando “che la rabbia è reale”. Spazio anche per il via libera all’app Immuni. La Stampa evidenzia il richiamo di Mattarella ” Non disperdete i sacrifici degli italiani. Poi l’attacco al centrodestra che definisce “barbari” i sovranisti. In taglio medio la rabbia scoppiata negli Usa per il caso Floyd e le bacchettate di Donald Trump ai governatori democratici. Italia Oggi sottolinea come esisterebbe un emendamento nel DL Rilancio per rinviare i versamenti di giugno. Avvenire sottolinea come Mattarella oggi sarà a Codogno dove si festeggia un nuovo inizio. Poi chiama violenze le proteste che stanno avvenendo negli Usa. Il Foglio contro le opposizioni troppo figlie del modello Pappalardo. Il Gazzettino rimarca il problema “infortuni” in azienda. Sarebbero 6mila nel Nord Est. I timori degli imprenditori è che possano diventare cause civili e penali. Zaia contro le norme sui trasporti pubblici locali. Il Tempo ospita una intervista alla Meloni che afferma come “Conte legherà le mani all’Italia per trent’anni”. Poi spazio ad Alberto Zangrillo che ribadisce come “il virus sia meno cattivo”. Il Giornale contro gli insegnanti “I Prof non sono eroi. Per paura e pigrizia rischiano di far saltare gli esami di maturità. Non hanno imparato la lezione degli infermieri”. Il Manifesto dedica la copertina alle rivolte negli Usa per il sesto giorno consecutivo e li definisce “Blacks out”. Il Fatto Quotidiano gode “S’ammoscia la festa di Salvini&Meloni” visto che i leader invitano la gente a non venire. L’Osservatore Romano rimarca le parole di Papa Francesco “per guarire dalla carestia di speranza”. “L’industria italiana è la più forte d’Europa. A maggio l’indice che dà il polso dell’economia affida alla manifattura 45 punti, la Germania si ferma a 36, Spagna a 38 e Francia e Inghilterra a 40”, così apre Libero che poi incorona Del Vecchio che vorrebbe svecchiare l’Italia.

Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Slider image
Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password