I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Parola ad Ahmed Zubair Al-Senussi: “il sistema federale, unica via d’uscita per la Libia”

Al-Beida – “Mi chiamo Ahmed Zubair Al-Senussi e vengo dalla famiglia del Governatore della Libia. Nato nella città di Marsa Matrouh nel 1934, quando gli alleati trionfarono, siamo tornati nella nostra patria in Cirenaica. Ho vissuto e studiato qui, prima ad Al-Abyar e poi Bengasi. Nel 1957, mi sono diplomato in una Accademia militare in Iraq, dove ho vissuto per diverse circostanze fino al 1965. Quando sono tornato a Bengasi, sono stato nominato direttore degli affari sociali. Sono stato arrestato con l’accusa di aver pianificato una rivoluzione. Sono stato condannato alla pena capitale e ho trascorso 31 anni in prigione, inclusi nove anni in isolamento. Una volta rilasciato, sono rimasto a Bengasi e la mia vita è proseguita normalmente fino alla rivoluzione del 2011, quando sono stato nominato membro del Consiglio Nazionale d’Indipendenza. Poi un anno dopo abbiamo ceduto il potere al Congresso Nazionale”. Si racconta così Ahmed Al-Zubair al-Senussi, noto anche come Principe Zubeir Ahmed El-Sharif, pronipote di re Idris, l’unico monarca di Libia.

Il signor Ahmed Zubair Al-Senussi auspica che “la Libia raggiunga una formula stabile basata su solide fondamenta, perché il Paese continua a passare da un periodo di transizione ad un altro e questo non ci dà più speranza. Quando eravamo vicini alla stabilità nel 2012, abbiamo formato il Consiglio del Distretto della Cirenaica con cui chiedevamo un sistema federale come era la Libia ai tempi del Regno Unito. Abbiamo chiesto di formare un Parlamento o un Governo locale, ma sfortunatamente, io vedo oggi che le Nazioni Unite ci hanno trasmesso un cattivo modello di potere come è accaduto in molti altri Paesi. Per esempio, il Libano è oggi un paese ad un passo dal fallimento, a causa del sistema delle quote. Lo stesso sistema è stato trasferito in Iraq. Ed affinché il nostro Paese non subisca le stesse sorti dell’Iraq e del Libano, vogliamo che venga applicata la costituzione della Libia del 1951, la migliore che esiste in tutto il mondo arabo”.

Per quanto riguarda il nuovo esecutivo di Abdel Hamid Al-Dabaiba e Mohamed Al-Manfi, il pronipote di Re Idris non crede che riuscirà a risolvere tutti i problemi del Paese nordafricano in soli nove mesi. “Se i loro passaggi sono corretti, forse troveranno delle soluzioni. Altrimenti non ci sarà alcun cambiamento in Libia. Non conosco neanche Al Dabaiba, ma spero che riesca ad accompagnare il Paese verso la scelta del presidente e l’adozione della costituzione”.  Ha sottolineato che “prima di tutto per il contesto storico, le circostanze e la differenza di pensiero tra di noi, non vogliamo Governi temporanei. Attualmente lo Stato non c’è, speriamo che il nuovo esecutivo sia composto da persone leali in grado di gettare le giuste basi per la costruzione di questo Paese”.

Ahmed Zubair Al-Senussi ricorda che la sua famiglia si è sempre attenuta alla Costituzione. “La famiglia reale era rappresentata da un re e un principe ereditario, ma il resto della famiglia Senussi erano normali cittadini. Ogni persona metteva a disposizione il suo potenziale scientifico e le sue capacità per aiutare lo Stato. Eravamo tutti vicini, gli uni agli altri, eppure non abbiamo preso alcun Ministero, né controllato il Parlamento, come accade nelle Monarchie del Golfo, dove ciascun reale ha poteri specifici”. 

Il principe Al-Senussi crede fermamente che il sistema federale, come per Stati Uniti ed Emirati Arabi Uniti rappresenta l’unica soluzione concreta per la costruzione dello Stato Libico. “Abbiamo avanzato questa idea – ci dice – e siamo stati attaccati duramente. Ci hanno definito agenti. E alla fine, hanno introdotto il sistema delle quote, questo sistema fallito che ha già fatto cadere il Libano. In realtà, i funzionari attuali o futuri se vogliono riuscire nella costruzione dello Stato della Libia devono seguire il sistema federale per servire al meglio e garantire i diritti di ciascun cittadino”.

Condividi questo post

Nata nelle Marche nel 1988. Giornalista pubblicista, vive a Tunisi dove sta studiando arabo mentre partecipa alle vicende libiche. Corrispondente per “Notizie Geopolitiche”, Tripoli è stata la sua prima esperienza come inviata di guerra. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratrice presso il quotidiano di approfondimento “L’Indro”. Ho commentato la crisi libica per diversi canali del Golfo (218 TV, Sky News Arabia, Libya’s Channel e Libya al-Hadath) ed italiani (TgCom24, SkyTg24, Uno mattina, Tg Rai, Radio Domani, Radio Anch’io, Radio in Blu). È autrice di “Speciale Libia”, una piattaforma dedicata al Paese nordafricano. Scrive di Medio Oriente e Nord Africa, dal terrorismo al lablabi.

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password