I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Pakistan: uccide moglie per gelosia, la Corte Suprema finalmente non lo considera delitto d’onore

“Non c’è nulla di onorevole in tali crimini“. La corte suprema in Pakistan liquida con queste parole la richiesta di ricorso e scarcerazione da parte di un uomo condannato all’ergastolo per aver ucciso la moglie nel sospetto di tradimento. Un ‘delitto d’onore’, appunto, a suo dire, al quale però in questa occasione un giudice ha opposto un fermo no.

Il giudice é andato anzi oltre, chiedendo che il termine ‘Ghairat‘, utilizzato appunto per indicare questo tipo di delitti, non venga più inteso in tal senso, ma che venga piuttosto tradotto con la parola ‘arroganza‘: ciò può aiutare e magari costituire un deterrente per questo tipo di omicidi, ha sottolineato inoltre il giudice Qazi Faez nella sue motivazioni che per questo hanno fatto notizia con la vicenda giudiziaria ripresa da media locali. Mohammad Abbas aveva ucciso la moglie nel maggio del 2009, il cognato lo aveva denunciato e questo era stato arrestato e condannato a morte, pena poi ridotta all’ergastolo.

Abbas si è però poi appellato chiedendo la scarcerazione per delitto d’onore. Già nel 2016 in Pakistan era stato modificato il codice penale in materia di ‘delitto d’onore’, ma la decisione del giudice Faez denuncia tra l’altro una cultura ancora diffusa nel Paese. 

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password