I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Libia, immagini satellitari rivelano sistemi di difesa turchi alla base di al-Watiya

Immagini satellitari della base aerea militare di al-Watiya, rilasciate sabato 5 giugno, confermano che la Turchia ha dispiegato moderni sistemi di difesa, compresi 2 MIM-23 Hawk, in violazione dell’embargo sulle armi previsto dalle risoluzioni ONU. La base, recentemente riconquistata dalle forze affiliate al Governo di Accordo Nazionale (GNA) sostenute da Ankara, risulta strategicamente essenziale per un eventuale offensiva su Sirte

Nonostante proseguano le riunioni del comitato di dialogo libico (5+5) tra i rappresentanti del GNA e del Libyan National Army (LNA), entrambe le parti stanno ricevendo sostegno straniero e rafforzando le proprie posizioni. Personale militare russo, almeno 500 uomini secondo nostre fonti, è giunto ad al-Jufra, mentre i mercenari del gruppo Wagner si ritiravano da Tarhuna ad inizio giugno. L’LNA ha anche dispiegato rinforzi a Sirte, compresi mercenari africani, detti janjaweed.

Nello stesso contesto, un altro gruppo di combattenti siriani è stato trasferito in Libia dalla Turchia. Le truppe di siriani, coordinate dagli ufficiali di Ankara, sono ad oggi presenti presso il complesso di Mitiga a Tripoli, nel college militare di al-Habda a sud della capitale, ad ovest di Sirte e Misurata. Il Ministro della Difesa turco è arrivato a Tripoli venerdì sera per riorganizzare i ranchi delle proprie forze e seguire gli ultimi sviluppi sul terreno. Nostre fonti hanno riferito di scaramucce tra i gruppi armati locali e le forze di supporto siriane. 

Slider image

FOTO – Immagini satellitari dimostrano la presenza di armamenti Turchi in Libia

Slider image

La Turchia, in collaborazione con l’Italia, il Regno Unito, gli Stati Uniti e il GNA, sta anche conducendo operazioni mirate per lo smantellamento di gruppi criminali e di trafficanti nella Libia nord-occidentale. Giovedì un raid aereo ha colpito un truck di trafficanti a sud di Zuwara, nella strada del deserto che porta alla base di al-Watiya. Tali attività sembrano essersi intensificate negli ultimi sette giorni.

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password