I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Covid-19, fosse comuni a New York a Hart Island


Pare un film dell’orrore quello che hanno ritratto alcune foto, scattate da droni che hanno sorvolato Hart Island a New York, a poca distanza dal Bronx. Decine di bare, ammucchiate l’una sull’altra in attesa di essere tumulate in fosse comuni. Una scena drammatica che resterà nella memoria diverse generazioni insieme con la fila interminabile di camion militari che portano via le bare nel  bergamasco.

L’isola è da sempre l’ultima dimora per chi non puo’ permettersi funerali o non ha nessuno che ne reclama il corpo. Si è sempre seppellito il giovedì ma ormai gli obitori non riescono a tenere i corpi a causa dei troppi decessi causati dalla pandemia di coronavirus. Il numero di vittime continua a salire, tanto che i carcerati di Rikers Island, l’isola prigione di New York, non ce la fanno a stare dietro ai continui arrivi: finora era spettato loro scavare le fosse comuni, ora sono affiancati da professionisti per velocizzare le attività. Come riporta The New York Time ormai il rituale si ripete a ritmo incessante: prima della sepoltura, i morti sono avvolti in sacchi per il corpo e collocati all’interno di scrigni di pino. Il nome del defunto è scritto a grandi lettere su ogni scrigno, il che aiuta nel caso in cui un corpo debba essere tumulato in seguito. Sono tutti sepolti in trincee lunghe e strette scavate da macchine scavatrici.

Con 170mila contagiati lo Stato di New York è al limite, ormai i decessi hanno superato quota 8mila e continuano ad aumentare. A questi numeri andrebbero aggiunti i morti in casa ai quali non viene effettuato il tampone. Nei primi quattro giorni del mese 1.125 persone sono state dichiarate morte in casa. Nello stesso periodo dello scorso anno erano 131. E molte delle vittime registrate sono clochard, probabilmente destinate al girone di Hart Island. Donald Trump vorrebbe riaprire l’America, giá il prossimo mese, per evitare che alla crisi sanitaria segua una crisi economica senza precedenti. I virologi non sembrano peró essere d’accordo tanto che è i Dipartimenti della Sicurezza Nazionale e della Sanità hanno voluto mettere in chiaro che riaprire revocare il lockdown, dopo soli 30 giorni di restrizioni, rischia di scatenare un balzo delle infezioni durante l’estate e un numero di morti senza paragone. 

“New York é il motore dell’economia ma per riaprire servono i test”, gli ha replicato seccamente Andrew Cuomo, il governatore dello Stato. E test finora, secondo alcune stime, sono stati effettuati solo sull’1% della popolazione. “E’ l’unico modo per riaprire”, ha aggiunto Cuomo, uno dei democratici più amati. Secondo un sondaggio, il 56% degli elettori lo vorrebbe al posto di Joe Biden per sfidare Trump. Cuomo ha peró più volte ribadito di non volersi candidare Nonostante potrebbe avere l’endorsement dell’ex presidente Barack Obama.

Condividi questo post

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*

Forgot Password