I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

Coronavirus, ondata di ritorno in Cina e Hong Kong

La contea di Jia, nella provincia dell’Henan che confina a sud con quella dell’Hubei, epicentro della pandemia, ha subito nuovamente il lockdown in via d’urgenza, secondo quanto comunicato dalle autorità sanitarie locali sui social media, a causa della rilevazione di “diversi casi di infezione” riscontrati sui suoi 600mila abitanti.

Il South China Morning Post, ha confermato la notizia: tutte le aziende sono state chiuse, ad eccezione di quelle strategiche. Ancora accessibili i servizi primari tra supermercati, farmacie, stazioni di benzina ed hotel, mentre un solo componente per famiglia sarà autorizzato a uscire ogni due giorni per acquistare beni necessari. La temuta ondata di ritorno in Cina, oltre che col fenomeno dei casi importati dall’estero, è legata alla diffusa presenza degli asintomatici, di coloro cioe’ che risultano contagiati dal Covid-19 ma che non mostrano i segnali tipici dell’infezione. Zhong Nanshan, uno dei massimi epidemiologi cinesi impegnato nella lotta alla Sars del 2003, ha affermato la scorsa settimana in un’intervista ai media statali che ogni asintomatico può potenzialmente infettare “da 3 a 3,5 persone”.

Oggi la Commissione sanitaria nazionale ha comunicato che si sono presentati 130 nuovi casi e che ci sono 1.367 persone tenute sotto osservazione. L’allerta è tornata alta dopo diversi episodi dove ci sono stati contagi di persone state a stretto contatto con asintomatici. È da

notare che a differenza di Corea del Sud e Giappone, la Cina somma alle infezioni complessive ufficiali soltanto quelle che palesano sintomi in modo chiaro.

Intanto anche a Hong Kong torna la paura di nuovi contagi. Il governo locale ha messo al bando per 14 giorni le sale di karaoke, i club, i locali notturni e le sale di mahjong. I centri estetici e di massaggi dovranno invece seguire precauzioni, tra cui l’uso delle mascherine per i clienti e i controlli della temperatura corporea. Era già disposta dal 28 marzo la chiusura per 14 giorni di luoghi pubblici come cinema e palestre.

Condividi questo post

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password