I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

6 Aprile 2021 – Schermaglie Turchia-Cina su strage uiguri. Amazon in soccorso di Biden. Covid, Brasile verso l’ok a Russia per Sputnik V. Timidi passi avanti tra Usa e Iran sul Jcpoa.

Il ministero degli Esteri di Ankara ha convocato l’ambasciatore cinese, in seguito ad un tweet della rappresentanza diplomatica di Pechino in Turchia. Quest’ultima aveva condannato con forza, definendoli “attacchi alla sovranità cinese e alla integrità territoriale della Cina” alcuni tweet di rappresentanti politici turchi che ricordavano l’anniversario della strage di Barin, avvenuta il 5 aprile 1990, con l’esercito cinese che intervenne sterminando la minoranza uigura, turcofoni dell’est della Cina.

Il colosso digitale statunitense Amazon, tramite il suo fondatore Jeff Bezos, appoggia il piano da 2.000 miliardi di dollari che l’amministrazione del presidente Usa, Joe Biden, ha messo a punto per rilanciare le infrastrutture e favorire l’occupazione, compreso l’annunciato aumento delle tasse per le imprese volto a finanziarlo. 

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha telefonato oggi al suo omologo russo Vladimir Putin per trattare l’acquisto di nuovi lotti del vaccino anti Covid-19 Sputnik V, di cui è già cominciata la produzione in Brasile in attesa dell’autorizzazione dell’ente regolatore. “E’ stato un colloquio molto produttivo. Se dio vuole, a breve avremo risolto la questione del vaccino Sputnik“, ha detto Bolsonaro in un breve video postato sui social. Intanto il presidente russo pare che parteciperà al summit virtuale sul clima organizzato dal capo di Stato Usa tra il 22 e il 23 aprile prossimi.

Il portavoce del dipartimento di Stato Usa, Ned Price, ha definito “costruttivi” i colloqui di Vienna sulle misure da adottare da parte di Stati Uniti e Iran per ripristinare l’accordo sul nucleare (noto anche con l’acronimo Jcpoa).

Il capo del Pentagono, Austin Lloyd, volerà la settimana prossima in Israele, dove incontrerà il premier Benyamin Netanyhau e il ministro della Difesa Benny Gantz.

L’Unione europea porterà dal 40 al 55 per cento il finanziamento per la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità tra Lione e Torino. In una nota il Comitè pour la Transalpine spiega che la decisione è stata convalidata il 26 marzo dal Comitato dei rappresentanti permanenti dell’Unione europea (Coreper) e adesso dovrà passare per un voto all’Europarlamento di Strasburgo. In questo modo la Francia risparmierà 2,5 miliardi di euro. Il costo per la realizzazione di un tunnel sotto le Alpi è stato valutato a 8,6 miliardi di euro nel 2012.

Una nave spia iraniana è stata colpita da un missile nel Mar Rosso. Lo riportano i media israeliani che citano rapporti non confermati che circolano sui social media.

L’Università di Oxford ha annunciato di aver sospeso la sperimentazione del vaccino AstraZeneca sui bambini in attesa di un’analisi sui possibili legami tra il farmaco ed episodi di trombosi tra gli adulti.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password