I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

23 Giugno 2020 – Alta tensione sociale in Italia: busta con proiettili al sindacalista CISL Bentivogli. USA tra UFO e Libia.

Inizia ad alzarsi la tensione sociale in italia. Una busta con proiettili e minacce di morte è stata recapitata al segretario generale dimissionario della Fim Cisl, Marco Bentivogli, già oggetto in passato di pressioni e intimidazioni. La lettera è stata rinvenuta nei pressi della sua abitazione e conteneva tre cartucce di pistola, calibro 38 e due calibro 9, e minacce di morte a 10 anni dall’accordo Fiat di Pomigliano. Il messaggio intimidatorio tuonava “festeggeremo insieme l’accordo di Pomigliano. Ovunque a Roma o ad Ancona, non bastano le dimissioni“. La politica si raccoglie attorno al sindacalista.

Un altro senatore del M5s passa all’opposizione. Si tratta della senatrice Alessandra Ricciardi che aveva votato in dissenso rispetto al suo partito sul caso Open Arms, che coinvolgeva l’ex ministro Matteo Salvini, nella Giunta per le immunità di Palazzo Madama. Si assottigliano ulteriormente quindi i numeri, già risicati, al Senato per la maggioranza giallorossa. Intanto continuano le divisioni interne alla maggioranza, finisce con un nulla di fatto il vertice sul dossier Autostrade, si accende il dibattito sull’ipotesi di un taglio provvisorio dell’Iva proposta dal presidente del Consiglio e anche sul DL Giustizia il premier Conte non volendo correre rischi di imboscate da parte di Italia Viva e Leu ha deciso di porre la fiducia sul provvedimento che verrà votata dalle ore 16.00 di giovedì. Prove di tregua sul piano industriale della nuova Alitalia. Patuanelli e De Micheli si presentano insieme in audizione per dimostra unità, ma annunciano che ci vorranno ancora settimane perché si trovi una sintesi.

L’attuale presidente di Consob ed ex ministro per gli Affari UE Paolo Savona suona l’allarme. “Nella crisi del 2008 l’Italia è partita dal 105% del rapporto debito-Pil e ha finito con il 135%. Se non curiamo direttamente il rapporto debito-Pil, possiamo arrivare a una percentuale non inferiore al +30% già realizzato. Questo il mercato, così come le istituzioni sovranazionali e l’Unione Europea, non ce lo perdonerebbero“. 

Ankara, sempre più isolata nella sua corsa alla Libia, dopo la forte presa di posizione di Siria e Iran in supporto dell’Egitto, prova ad imbarcare gli Stati Uniti. Il portavoce della presidenza turca, Ibrahim Kalin, ha avuto un colloquio telefonico con il consigliere per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, Robert C. O’Brien per stringere un accordo di collaborazione. Intanto la Tunisia raccoglie i moniti lanciati da Macron e invita le potenze mondiali in campo in Libia a fare un passo indietro.

La Commissione di intelligence del Senato Usa ha votato per richiedere alle agenzie di intelligence e al dipartimento della Difesa di compilare un’analisi pubblica dettagliata di tutti i dati raccolti sui “fenomeni aerei non identificati”, comprese le intrusioni registrate dai piloti della marina militare negli ultimi anni. Ad annunciarlo il sito Politico.com.

Oggi è avvenuto un incontro privato, senza dichiarazioni ufficiali alla stampa, fra il premier Mark Rutte e il presidente francese Emmanuel Macron. Il presidente francese avrebbe cercato di limare le divergenze sul Recovery Fund da parte dei Paesi Frugali, tentando di sbloccare le risorse già per il prossimo 17 luglio.

Nuovo attacco israeliano in territorio siriano. Due soldati di Damasco sarebbero rimasti uccisi e altri quattro feriti a Kobajjep, nella regione del Deir ez For e ad As Suwayda. Si tratterebbe del terzo attacco non giustificato in un mese da parte di Gerusalemme.

Continua l’anomalia dei social che si stanno sempre di più tramutando in editori. “Questo Tweet ha violato le Regole di Twitter sui comportamenti offensivi. Tuttavia, abbiamo deciso di non oscurarlo poiche’ potrebbe essere di pubblico interesse”: e’ il messaggio che compare ‘davanti’ a un tweet con cui il presidente Usa Donald Trump aveva annunciato: “Non ci sara’ mai una ‘zona autonoma’ a Washington D.C., fino a quando saro’ il vostro presidente. Se ci provano, saranno affrontati con la forza”. Consideriamo il contenuto di interesse pubblico se contribuisce direttamente alla comprensione o alla discussione di una questione di interesse pubblico hanno spiegato da Twitter, per altri opinionisti è un intervento a gamba tesa sulla campagna presidenziale.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password