I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

23 Gennaio 2021 – Tunisia, continuano le proteste. Fronte comune Usa-Israele contro Iran. Macron annuncia pene più severe per incesto. Cina, ridotto l’utilizzo di carbone. Libia, Unsmil ribadisce sostegno a C.M.C. 5+5

Centinaia di tunisini sono scesi in piazza in diverse città del Paese per manifestare contro la repressione della polizia, la corruzione e la povertà dopo che per diverse notti si sono registrati scontri e arresti. Intanto, il Fondo monetario internazionale ha esortato le autorità di Tunisi a stabilire un piano di riforme e rafforzare il sostegno sociale.

Primo contatto tra i responsabili della sicurezza nazionale di Israele e Stati Uniti dopo l’insediamento del nuovo presidente americano Joe Biden. Meir Ben Shabbat ha avuto una conversazione telefonica con Jake Sullivan, congratulandosi per il nuovo incarico. “I due hanno concordato di discutere presto dei molti temi in agenda, tra cui Iran, questioni regionali e l’avanzamento degli Accordi di Abramo“, ha fatto sapere l’ufficio del premier Benjamin Netanyahu. Il capo del Mossad, Yossi Cohen, volerà il mese prossimo a Washington per incontrare il nuovo presidente americano Joe Biden.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha lanciato oggi un appello agli Stati Uniti, il secondo da lui formulato nel giro di 48 ore, per ammorbidire le relazioni bilaterali allo. scopo di “voltare pagina” ed aprire un nuovo cammino basato sul reciproco rispetto. 

La Francia inasprirà le leggi sull’incesto, adattandole per “meglio proteggere i bambini vittime di violenze sessuali“. Lo ha annunciato il presidente Emmanuel Macron dopo aver chiesto al ministro della Giustizia, Eric Dupond-Moretti, di condurre consultazioni da tradurre “velocemente in proposte” legislative. Il tema è assurto al centro del dibattito pubblico dopo la pubblicazione del libro di Camille Kouchner che ha accusato il noto politologo Olivier Duhamel di aver abusato del figliastro.

Il consumo di carbone della città di Pechino è diminuito in modo significativo, da 11,65 milioni di tonnellate nel 2015 a 1,73 milioni di tonnellate nel 2020.

La missione delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) e il Gruppo di lavoro sulla sicurezza della Libia del Comitato internazionale di follow-up (rappresentato da Unione Africana, Francia, Italia, Turchia, Regno Unito) ribadiscono il loro pieno sostegno all’impegno del Comitato militare congiunto 5+5 per la piena attuazione dell’accordo di cessate il fuoco.

Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, potrebbe finire incriminato dalla Corte penale internazionale (Icc) per crimini contro l’umanità: è stato infatti denunciato da gruppi per i diritti umani e comunità indigene per danni ambientali senza precedenti, uccisioni e persecuzioni nell’ambito della deforestazione dell’Amazzonia. L’avvocato William Bourdon ha presentato alla corte dell’Aja una richiesta di indagine nei suoi confronti .

La polizia della capitale della Bielorussia Minsk ha arrestato circa 100 persone che hanno formato catene umane durante manifestazioni per chiedere le dimissioni del leader. autoritario Alexander Lukashenko.

 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password