I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

14 Agosto 2020 – Usa vs Cina: Trump vende F-16 a Taiwan. Libano, da Hezbollah sì a governo di larghe intese. Scontro Turchia-Grecia, ipotesi moratoria Ue. Biellorussia, Ue non accetta il voto

Tensione alle stelle tra Pechino e Washington. Gli Stati Uniti hanno annunciato che è stata sottoscritta la vendita di jet F-16 a Taiwan, in una mossa destinata ad alzare la tensione fra Washington e Pechino. 

Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha chiesto la formazione di un governo di unità nazionale in Libano, chiarendo che il suo gruppo continuerà ad avere un ruolo in qualsiasi futuro governo.  Categorico il “no” ad un governo tecnico. Intanto le Nazioni Unite hanno lanciato un appello per raccogliere circa 477 milioni di euro per finanziare gli aiuti alla popolazione del Libano dopo le esplosioni nel porto della capitale, Beirut.

La Procura generale venezuelana ha annunciato che 15 partecipanti alla ‘Operazione Gedeone’ del maggio scorso per un fallito tentativo di sbarco che aveva l’obiettivo di “catturare, arrestare e rimuovere dal potere” il presidente Nicolas Maduro, sono stati condannati oggi a 24 anni di prigione ciascuno. 

Recep Tayyip Erdogan alza la voce. Con Israele, per il suo accordo con gli Emirati Arabi Uniti, ma anche con l’Europa, in particolare contro Grecia e Francia, per per le tensioni e rivendicazioni su ampie zone del Mediterraneo potenzialmente ricche di idrocarburi. Tensioni che nei giorni scorsi hanno addirittura portato ad una (per fortuna leggera) collisione tra una fregata turca e una greca e che sono finite sul tavolo del Consiglio degli Esteri straordinario. I ministri degli Esteri Ue stanno immaginando “una moratoria sullo sfruttamento nelle aree contese” a seguito dell’escalation di tensioni tra Grecia e Turchia sui diritti di sfruttamento delle risorse energetiche al confine marittimo tra i due Paesi.

Mentre proseguono le manifestazioni in Bielorussia contro il presidente Aleksandr Lukashenko, accusato di aver vinto le ultime presidenziali tramite brogli, l’Unione Europea respinge il risultato del voto e decide di imporre sanzioni mirate contro i responsabili della repressione delle proteste. Intanto da Vilnius, dove si è nascosta il giorno dopo il voto, la candidata dell’opposizione, Svetlana Tikhanovskaya, ha annunciato l’istituzione di un Consiglio di Coordinamento aperto alla societa’ civile che gestisca il passaggio di poteri. 

Vladimir Putin ha proposto di tenere “il prima possibile” un vertice sull’Iran che veda coinvolti i leader dello stesso Iran, dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza (Russia, Usa, Francia, Cina e Regno Unito) più la Germania, il formato 5+1 dell’accordo sul nucleare iraniano siglato nel 2015, per scongiurare “un’escalation”. 

Inizia una nuova era, per il MoVimento 5 Stelle nella partecipazione alle elezioni amministrative, oggi abbiamo scelto di incidere”. Questo il commento di Luigi Di Maio al sì ai due mandati e alle alleanze con i partiti tradizionali votati dai simpatizzanti del partito sulla piattaforma interna Rousseau.

Il presidente francese Emmanuel Macron è stato costretto alla ritirata. Ha dovuto infatti cancellare un tweet in cui riferiva di “posizioni convergenti” su Mediterraneo orientale e Libia con il presidente americano Donald Trump e il principe ereditario Abu Dhabi, Mohamed bin al Zayed, sostituendolo con un nuovo tweet in cui viene citato solo Trump. “Ho parlato con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il principe ereditario di Abu Dhabi, Mohamed bin al Zayed, della situazione nel Mediterraneo orientale e in Libia. Le nostre posizioni convergono. Il nostro interesse per la pace e la sicurezza è comune. Lo faremo rispettare”: questo il primo post, pubblicato alle 18.40. 

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password