I più letti

Categorie

  • Nessuna categoria

11 Agosto 2020 – Biden ha scelto come vice Kamala Harris. Bolsonaro negazionista: l’Amazzonia non brucia. Usa, chiede di estendere embargo all’Iran. Non basta Diab, i libanesi vogliono cacciare anche Aoun

Joe Biden ha finalmente scelto come sua vice Kamala Harris per la vice presidenza. Al termine di un lungo processo di selezione e quando mancano ormai pochi giorni all’avvio della convention democratica, l’ex vice presidente scioglie le riserve: “Ho l’onore di annunciare di aver scelto Kamala Harris” come numero due. L’ex procuratrice della California diventa così la prima donna afroamericana – ma anche di origini indiane – a essere nominata per la vice presidenza. Secca la replica affidata ad un tweet di Donald Trumpla falsa Harris e il lento Joe sono perfetti insieme, ma sbagliati per l’America. Così Biden consegna il controllo del nostro paese alla sinistra radicale che promette di alzare le tasse, tagliare i fondi per la polizia, aprire i nostri confini“. Entusiasti invece i commenti di Barack Obama e Hilary Clinton e anche la nipote dell’attuale presidente Usa Mary Trump.

La Conferenza episcopale venezuelana (Cev) ha lanciato un appello all’opposizione per non boicottare le elezioni fissate per dicembre, pur conoscendo “le irregolarità commesse finora dal governo nel processo di convocazione alle urne e di preparazione di questo evento elettorale”.

Gli Stati Uniti hanno fatto circolare tra i membri del Consiglio di Sicurezza Onu una nuova versione semplificata della bozza di risoluzione per estendere l’embargo sulle armi all’Iran. 

A una settimana esatta dall’esplosione del 4 agosto nel porto di Beirut che ha causato la morte di otre 200 persone e il ferimento di oltre 7.000 le piazze della capitale si sono nuovamente infuocate con sassaiole contro la polizia che ha risposto con il lancio di lacrimogeni. I manifestanti chiedono la caduta di quel sistema politico, che secondo loro, è il primo responsabile della tragedia. Non basta, quindi, la caduta del governo guidato da Hassane Diab. Il presidente libanese Michel Aoun, tra i politici più contestati, sta cercando una via di uscita politica per poter abbreviare il più possibile la transizione verso un nuovo Gabinetto.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha invitato gli ambasciatori dei paesi della regione a sorvolare con lui l’Amazzonia per verificare che “nel tratto tra Manaus e Boa Vista non troveranno alcuna fonte di fuoco”, perche’ la foresta “si preserva da sola grazie alla sua forza e per il fatto di essere una foresta umida”, sottolineando che “questa storia che l’Amazzonia brucia e’ una bugia. Il capo dello stato ha preso parte a una videoconferenza con i presidenti dei paesi sudamericani nei cui territori ricade parte della foresta pluviale amazzonica. 

La Hong Kong democratica si é mobilitata a sostegno dell’Apple Daily e del suo fondatore Jimmy Lai, all’indomani dell’arresto del tycoon da parte della polizia in forza della nuova legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino ed eseguito con le accuse di “collusione con forze straniere e cospirazione per commettere frodi“. Le azioni dell’impresa di Lai sono volate in Borsa. L’imprenditore, in tarda serata, é stato rilasciato con una cauzione di quasi 55mila euro, poco dopo la liberazione della giovane attivista Agnes Chow, una delle dieci persone fermate lunedì.

La pandemia di coronavirus sta provocando “un effetto devastante” sull’istruzione e la formazione dei giovani. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo), ente dell’Onu secondo cui oltre il 70% dei giovani che studiano o studiano e lavorano hanno risentito negativamente dalla chiusura di scuole, università e centri di formazione.

Continua il parapiglia in Italia sulla vicenda Bonus Partite Iva. Il garante della Privacy ha sbloccato la pubblicazione dei nomi dei politici coinvolti.

Condividi questo post

Nato a Torino il 9 ottobre 1977. Giornalista dal 1998. E' direttore responsabile della rivista online di geopolitica Strumentipolitici.it. Lavora presso il Consiglio regionale del Piemonte. Ha iniziato la sua attività professionale come collaboratore presso il settimanale locale il Canavese. E' stato direttore responsabile della rivista "Casa e Dintorni", responsabile degli Uffici Stampa della Federazione Medici Pediatri del Piemonte, dell'assessorato al Lavoro della Regione Piemonte, dell'assessorato all'Agricoltura della Regione Piemonte. Ha lavorato come corrispondente e opinionista per La Voce della Russia, Sputnik Italia e Inforos

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password